Matteo 28

Missionari nel mondo

Sei in > Tutta la Scrittura > Vangeli e Atti
precedente vv. 11-15 | Introduzione generale di Matteo
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 16-20

16Gli undici discepoli, intanto, andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. 
17Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono.
18Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. 19Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, 20insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi
Gen 6,9; 39,2 | Es 3,12; 19; 24 | Nm 14,9 | Dt 20,1; 31,23 | Gs 1,5 | Gdc 6,16 | 1Sam 3,19 | 2Sam 7,13 | 1Re 11,38; 18-19 | Sal 23,4; 48; 74; 88; 118,6 | Is 2,3; 7,10-17; 8,10; 43 | Ger 1,8 | Mt 1,23; 5-8; 11,25-30; 14,23; 15,29; 17 | Lc 1,28.66; 23,43 | At 18,10 | Eb 2,11-12

L’apparizione di Gesù e le parole pronunciate ai discepoli sono la chiusura del Vangelo. Luogo e tempo sono poco definiti: un monte della Galilea non specificato e l’avverbio “intanto” che comprende il tempo dalla scoperta del sepolcro vuoto, al viaggio necessario per andare da Gerusalemme (Giudea) a nord (Galilea).

Alcune parole chiave per comprendere il testo e farne meditazione:

  • Monte / Galilea. Il monte è nella Scrittura il luogo della rivelazione di Dio. Dio si rivela sul monte e per incontrarlo bisogna salire verso lui che scende. Giovanni della Croce fa della montagna una metafora della vita spirituale e nella Colletta del 16 luglio si chiede a Maria di essere aiutati a salire il monte «verso la vetta che è Cristo Signore». Mosè sale sul Sinai (Es 19; 24) per incontrare il Signore e ricevere la Legge. Elia sul Carmelo proclama la signoria di Dio (1Re 18) e sale sull’Oreb per incontrarlo (1Re 19). I monti sono simbolo di idolatria in Geremia, mentre Sion è il monte santo che Dio ha scelto per dimora (Sal 48; 74; 78; Is 2,3; 8,18). Nel Vangelo di Matteo, Gesù sul monte insegna il regno (5-8), prega (14,23), guarisce (15,29) e vive la trasfigurazione (17). La Galilea è il luogo delle origini. Il significato spirituale è profondo: il quotidiano, la memoria del primo incontro e l’annuncio ordinario, sono luoghi veramente teologici, cioè di incontro con Dio.
  • Fate discepoli. Gli ascoltatori di Gesù non sono detti apostoli, ma fratelli (28,10; Eb 2,11-12) e discepoli (v. 16) e a questi è affidato il compito di rendere discepoli tutti. Il termine discepoli sottolinea che il Maestro è uno solo e, nella reciprocità del servizio e l’annuncio, è presente tra loro e tra noi. Loro furono destinatari della prima parola della risurrezione (28,1-10) e ora sono chiamati a diffonderla.
  • Ogni potere. L’espressione è un richiamo di Daniele 7. Il potere è dare la vita ed è trasferito a loro, come già aveva fatto inviandoli in precedenza in missione (Mt 10).
  • Sono con voi. Bellissima la dichiarazione: «Io sono con voi!» Oltre le promesse dell’AT, Matteo richiama l’inizio del Vangelo perché tutte le attese sono compiute in Gesù. Nell’annuncio a Giuseppe, l’angelo richiama la profezia di Isaia 7 e dichiara che il figlio si sarebbe chiamato Emmanuele, cioè «Dio con noi» (Mt 1,23). Gesù ora conferma ai suoi di essere il ponte efficace tra Dio e l’umanità, colui che per sempre ricorda il Padre a noi (Mt 6,9) e al Padre ciascuno di noi (Mt 11,25-30).
  • Fino alla fine del mondo. Fino al compimento del tempo. Cosa significa? Interpreto unendo l’immagine del monte. Il tempo è questa vita che abbiamo ricevuto come cammino. La meta è Cristo, vetta del monte dell’incontro. Camminare è vivere la testimonianza, costruendo la fraternità e celebrando la sua offerta sull’altare della liturgia, del servizio, della catechesi e della missione.
Paralleli e approfondimenti

  • Io sono con te: Es 3; Dt 20.31; Gs 1; Gdc 6; Is 43; Lc 1;
  • Emmanuele: Is 7,10-17; Mt 1,23;
  • Sion dimora di Dio: Sal 48; 74; 88; Is 2,3; 8,18;
  • Sul monte incontrare Dio: Es 19; 24; 1Re 18-19; Mt 14; 17.

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:Nel Breviario non troviamo questo testo. 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Apparizione post pasquale
  • Risorto
  • Missione
  • Galilea
  • Monte
  • Potere
  • Battesimo
  • Annuncio
  • Discepoli
  • Emmanuele
  • Dio con noi
  • Io sono con voi

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...