Matteo 11

Rivelate ai piccoli

Sei in > Tutta la Scrittura > Vangeli e Atti
precedente vv. 20-23 | successivo vv. 28-30
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 25-27

25 In quel tempo Gesù disse: "Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. 26 Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. 27 Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.fino alla fine del mondo».
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi
Dt 6; 8 | Sal 16,11 | Sap 2,13 | Sir 51,1-10 | Is 22,22-23 | Mt 9,6; 18,1-10; 18,20; 19,14; 22,37; 25; 26,26-29; 28,18 | Mc 2,10-11; 9,36-37; 10,13-16 | Lc 5,24; 7,48-49; 9,48; 10,21-22; 18,16-17 | Gv 5,27; 14,19; 17,2 | 1Cor 5,4; 14,20 | Ap 1,18; 3,7

I versetti che leggiamo sono legati ai precedenti, completando la descrizione dei movimenti interiori di Gesù. In 16-19 ha lamentato il rifiuto della gente del tempo, in 20-24 ha rimproverato le città che non hanno accolto i segni, ora loda il Padre per quanti invece accolgono la Sapienza di Dio. Luca inserisce questi versetti in un altro contesto, quello della missione, descrivendo il movimento interiore di Gesù come una danza (esultò nello spirito - Lc 10,21-22), dunque opposta al lamento (Mt 11,16-19).

Alcune parole chiave per comprendere il testo e farne meditazione:

  • Sapienza. Gesù paragona se stesso alla Sapienza (11,19), ma solo i piccoli (infanti/tapini) lo hanno riconosciuto. Come la Sapienza riconosce il Padre (Sir 51,1-10) così Gesù ha un rapporto unico con Dio; egli è nella condizione di perfetta conoscenza della volontà divina. Come un piccolo, riconosce e indica il più grande.
  • Lodare. Il verbo lodare è la dichiarazione pubblica della conoscenza dei misteri del regno rivelati al Figlio e ai piccoli. Questa lode di Gesù è opposta al lamento verso quanti hanno rifiutato o non riconosciuto la sua divinità e messianicità. Inoltre ci fa entrare nel suo cuore: Gesù prova gioia. Di cosa gioisce Gesù? Della benevolenza del Padre che non resta lontano e immobile nel suo regno, ma si fa conoscere e incontrare dai figli. Dove incontriamo Gesù? Matteo ricorda che lo incontriamo, nella frazione del pane, nel bere al suo calice (Mt 26,26-29) e nei fratelli da amare, specialmente i miseri (Mt 25). Quando la comunione all’unico pane e l’amore reciproco sono il fondamento, il Signore è in mezzo a noi (Mt 18,20) e possiamo lodarlo con tutto il cuore (Dt 6; Mt 22,37).
  • Padre-Figlio. L’intreccio dei termini Padre (5 volte) e Figlio (3 volte) ha il sapore delle espressioni del Vangelo di Giovanni: Gesù è nel Padre e il Padre in lui (Gv 14) e questa comunione d’amore è ciò che è venuto a comunicare. Stare con Gesù, ci fa unire e assomigliare sempre più a lui. Il tono è sapienziale: In Sapienza 2,13 il giusto è colui che si riconosce e chiama se stesso “figlio del Signore”. Che significa essere figli del Signore? Quale novità ci porta Gesù? La novità che porta Gesù è il rapporto intimo che abbiamo con Dio, nonostante le distanze Creatore-creatura. Egli si fa fragilità per raggiungere ognuno di noi, come un padre che non si fa forte sul figlio, ma amorevolmente conduce per i sentieri della vita (Dt 8; Sal 16,11). Il v. 27 richiama infine inizio e conclusione del Vangelo: in Mt 4 le tentazioni sono menzogne del diavolo che insinuano che il mondo non sia nelle mani di Dio; in Mt 28,18 il risorto invia i discepoli con il potere che si estende nei cieli e sulla terra.
  • Sapienti, intelligenti e infanti. I sapienti e gli intelligenti sono coloro che vogliono racchiudere il Creatore nei limiti del proprio intelletto. Ma Dio è libero ed è amore. Egli si fa accessibile come desidera e non secondo i limiti che l’uomo impone. L’infanzia spirituale dei piccoli è la condizione di coloro che riconoscono un grande, il Padre, al quale tendere la mano per lasciarsi condurre (Dt 8).

Paralleli e approfondimenti

  • Infanzia spirituale: Mt 18,1-10; 19,14; Mc 9,36-37; 10,13-16; Lc 9,48; 18,16-17; 1Cor 14,20
  • Potere di Cristo/Messia: Is 22,22-23; Mt 9,6 // Mc 2,10-11 // Lc 5,24; Mt 28,18; Lc 7,48-49; Gv 5,27; 17,2; 1Cor 5,4; Ap 1,18; 3,7

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:Nel Breviario non troviamo questo testo. 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Lodare
  • Padre-Figlio
  • Piccoli
  • Infanzia spirituale
  • Sapienti
  • Dotti
  • Potere su tutto
  • Conoscere
  • Cose nascoste
  • Misteri del Regno
  • Rivelare

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...