Matteo 11

Mite e umile di cuore

Sei in > Tutta la Scrittura > Vangeli e Atti
precedente vv. 25-27 | successivo 12,1-8
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 28-30

28 Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. 29 Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. 30 Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero".
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi
Gen 6,6 | 2Sam 7,21 | 1 Re 9,3 | 1Cr 17,19 | 2Cr 7,16 | Sir 24,19; 51,23-30 | Is 10,27; 55,1-5 | Ger 23,30-40 | Dn 3,87 | Os 11,8 | Sof 2,3 | Zc 9,9-10 | Mt 5,8.17; 11,19; 23,4 | Mc 7,11 | Lc 24,32 | Gv 13,34; 14 | Gc 2,12

I versetti che leggiamo sono legati ai precedenti: le cose nascoste ai sapienti, ma rivelate ai piccoli sono i misteri del regno. Per aver pace e ristoro bisogna unirsi a Gesù e condividerne il giogo d’amore. Gesù indica tre aspetti di sé: ristoro, cuore e giogo. Meditiamo su queste parole chiave:

  • Ristoro. Offrendosi come il riposo dell’anima, richiama l’invito che la Sapienza rivolge agli affaticati (Sir 24,19), il giogo dell’istruzione e della misericordia preparato per chi ne ha bisogno (Sir 51,23-30) e la rinnovazione dell’alleanza dopo il peccato che schiaccia l’anima (Is 55,1-5). Gesù è la riconciliazione con il Padre, unico riposo dell’anima fedele. Il tono è sapienziale e lo comprendiamo alla luce della rivelazione che Gesù ha fatto di sé: è la sapienza da riconoscere (Mt 11,19). Il ristoro che offre è la pace dall’affanno, dalle fatiche e dai pesi della legge senza amore. Vuol dire che Gesù risolva i problemi ed esaudisca i desideri? No. Significa che insegna ad amare e a riconoscere l’amore altrui, perché non abbiamo vero riposo dell’anima, se non troviamo un amore che faccia sentire il cuore accolto come a casa. Non dà risposte chi toglie le domande, ma chi indica alla vita la via da seguire nella verità (Gv 14).
  • Cuore. Meraviglioso che Gesù indichi una parte di sé: il cuore, organo vitale e centrale per antonomasia. Il cuore di Gesù è anzitutto il cuore di Dio, ovvero la presenza amorevole del Signore che continuamente guarda l’uomo: si addolora per il male (Gen 6,6), agisce per amore (2Sam 7,21//1Cr 17,19), è nel Tempio, luogo di incontro con la misericordia (1Re 9,3//2Cr 7,16), prova gioia per il bene dei figli (Ger 32,41) e si commuove pensandoli (Os 11,8). Il cuore di Gesù è anche cuore di un uomo: egli è mite e umile (v. 29) come i poveri di YHWH (Dn 3,87; Sof 2,3) e i puri di cuore (Mt 5,8), gli unici abili a vedere Dio perché intimamente simili a Lui.  
  • Giogo. Il giogo è quello di una legge che non solleva verso il Cielo, ma schiaccia. Non è malata la Legge; Gesù non la rinnega, ma la compie (Mt 5,17). Ciò che pesa sono i fardelli difficili e pesanti che i sapienti e dotti (v. 25) hanno caricato sulle spalle della gente, ma che essi non muovono neppure con un dito (Mt 23,4). Sono i fardelli di coloro che usano la legge per il proprio vantaggio (Mc 7,11) piuttosto che liberarne la carica d’amore divino e fraterno. Il giogo è lo strumento di legno che univa i buoi per il collo, costringendoli allo stesso passo. Il giogo di Gesù non è il peso dei falsi profeti (Ger 23,30-40) o dei dominatori del mondo (Is 10,27), ma la libertà dell’amore (Gc 2,12). È dolce perché si condivide il passo degli amanti: l’amore del Padre e del Figlio è l’amore tra Dio e noi. Quando l’amore è come Dio, diventa carità che non toglie spazio o vita, ma si realizza nella comunione.

Che cosa fa riposare davvero il nostro cuore se non qualcuno che ci faccia sentire amati teneramente? Il giogo dell’amore non opprime, ma ristora, come accadde per i due di Emmaus, amareggiati e delusi, che sentirono ardere di nuovo il cuore alla presenza del Risorto (Lc 24,32). Può accadere anche per noi se facciamo sì che il nostro cuore palpiti come quello di Cristo (Gv 13,34).



Paralleli e approfondimenti

  • Cuore di Dio: Gen 6,6; 2Sam//1Cr 17,19; 1Re 9,3//2Cr 7,16; Ger 32,41; Os 11,8

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:Nel Breviario non troviamo questo testo. 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Cuore
  • Giogo
  • Mitezza
  • Umiltà
  • Poveri di YHWH
  • Stanchezza
  • Oppressione
  • Ristoro
  • Amore

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...