Termini e condizioni

Questo sito NON FA profilazione a scopo pubblicitario, né installa cookie per l'analisi pubblicitaria.
Secondo quanto chiarito dal Garante per la protezione dei dati personali, questo sito potrebbe dichiarare anche meno di quanto già esposto.
Gli unici cookie verso i fruitori sono tecnici e analitici assimilabili a quelli tecnici in quanto non è possibile per il gestore del sito risalire all'IP degli utenti ovvero di incrociare dati sugli utenti stessi. Gli IP sono anonimizzati perché si utilizza GA-4 e non G-UA come in precedenza.
Inoltre il sito ha carattere unidirezionale perché l'ambito di ricerca che offre prescinde dall'interazione con gli utenti. Non è richiesta interazione tra autore e fruitore, né è prevista in futuro per il funzionamento dello stesso.
Quanto presente nel sito è realizzato per lo studio e con lo studio. I riferimenti ad autori e ricercatori del settore non è per plagio, ma per citazione o indicazione per ulteriore approfondimento offerta agli utenti finali.
Il testo biblico nella versione e traduzione utilizzata non è di proprietà dell'autore del sito, ma con esplicito riferimento in ogni pagina è onorato ogni diritto d'autore o curatela.
Le icone sono realizzate una per una dall'autore del sito con software a licenza gratuita o acquistata. Le icone prodotte e qui rese pubbliche non sono considerate proprietà, ma offerte a chiunque le voglia prendere e utilizzare offrendole gratuitamente. Le foto presenti sul sito sono realizzate dall'autore dello stesso oppure acquistate (tutto è debitamente reso noto nella pagina del sito e/o nella pagina denominata "crediti").
Non è consentito vendere o fare lucro sui testi, sulle icone, sulle immagini e su tutto quanto ulteriormente presente nel sito. Non sono in vendita i contenuti, i testi, le icone, le immagini, né altro qui contenuto.

Il di più per i nerd della infotecnolegalità https://www.iubenda.com/termini-e-condizioni/80459998 ma se sei arrivato fin qui senza trovare prima il link, non sei un nerd della infotecnolegalità e anche tu condividi che siamo a un punto in cui giuridicamente si tende sempre più a complicare le cose che potrebbero invece essere semplici. Ma a che pro?

Cosimo Quaranta
15 gennaio 2022