Genesi 18

Abramo e i tre viandanti

Sei in > Tutta la Scrittura > Pentateuco
precedente 17,15-27 | successivo vv. 17-33
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 1-9

1Poi il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all'ingresso della tenda nell'ora più calda del giorno.
2Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appena li vide, corse loro incontro dall'ingresso della tenda e si prostrò fino a terra, 3dicendo: «Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passare oltre senza fermarti dal tuo servo. 4Si vada a prendere un po' d'acqua, lavatevi i piedi e accomodatevi sotto l'albero. 5Andrò a prendere un boccone di pane e ristoratevi; dopo potrete proseguire, perché è ben per questo che voi siete passati dal vostro servo». Quelli dissero: «Fa' pure come hai detto».
6Allora Abramo andò in fretta nella tenda, da Sara, e disse: «Presto, tre sea di fior di farina, impastala e fanne focacce». 7All'armento corse lui stesso, Abramo; prese un vitello tenero e buono e lo diede al servo, che si affrettò a prepararlo. 8Prese panna e latte fresco insieme con il vitello, che aveva preparato, e li porse loro. Così, mentre egli stava in piedi presso di loro sotto l'albero, quelli mangiarono.
9Poi gli dissero: «Dov'è Sara, tua moglie?». Rispose: «È là nella tenda». 10Riprese: «Tornerò da te fra un anno a questa data e allora Sara, tua moglie, avrà un figlio». Intanto Sara stava ad ascoltare all'ingresso della tenda, dietro di lui. 11Abramo e Sara erano vecchi, avanti negli anni; era cessato a Sara ciò che avviene regolarmente alle donne.
12Allora Sara rise dentro di sé e disse: «Avvizzita come sono, dovrei provare il piacere, mentre il mio signore è vecchio!».
13Ma il Signore disse ad Abramo: «Perché Sara ha riso dicendo: «Potrò davvero partorire, mentre sono vecchia»? 14C'è forse qualche cosa d'impossibile per il Signore? Al tempo fissato tornerò da te tra un anno e Sara avrà un figlio». 15Allora Sara negò: «Non ho riso!», perché aveva paura; ma egli disse: «Sì, hai proprio riso».

16
Quegli uomini si alzarono e andarono a contemplare Sòdoma dall'alto, mentre Abramo li accompagnava per congedarli.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Gen 11,27; 12,1.10-20; 14,3.13-17; 15,1-3; 16,3; 17,17; 19,1.15; 21,6; 23,4; 25,18 | Es 2,20-22 | Lv 25,40 | Gdc 4,18 | 1Re 13; 17,7-24 | 2Re 4,8-17 | Tb 7,1-11 | 1Mac 2,52 | Gb 8,21 | Sal 126,2 | Mt 25,35 | Lc 1,55.73; 10,38-42; 14,13; 19,6; 24,29-30 | Gv 4,40 | At 3,25; 10,48 | Rm 4; 12,13; 16,23 | Gal 3,8.18 | Fm 17-18 | Eb 11; 13,2 | Gc 2 | 1Pt 4,9 | Ap 3,20

L’ospitalità verso i misteriosi viandanti è una nuova svolta nella vicenda del patriarca. Siamo a metà del ciclo di Abramo (11,27-25,18) e sappiamo bene che il racconto non è una cronaca, ma una tradizione dal sapore anzitutto religioso. Dio è presente nel mondo e desidera entrare in relazione con l’umanità. Questo è uno dei messaggi che sostengono la narrazione. Abramo ha accolto con fede la parola del Signore nel lasciare la propria terra; sa che Dio gli darà una discendenza numerosa e benedetta, ma ancora non ne vede la realizzazione.

  • Teofania e mistero dei viandanti. Dio «apparve» (v. 1) alle Querce di Mamre. Mamre l’Amorreo, fratello di Escol e Aner (Gen 14,13) è colui dal quale prende il nome la zona detta delle querce ed alleato di Abram. Lì si era trasferito Abram dopo la separazione dal fratello Lot e in quel luogo aveva costruito un altare al Signore (Gen 13,18). Abramo vive nella terra il cui nome è di un altro.

Il Signore viene a fargli visita «nell’ora più calda del giorno» (v. 1). Simbolicamente è il tempo più faticoso della vita di Abramo. Ha camminato tanto. Il protagonista in Gen 11,27 è suo padre Terach, eppure è ad Abram che il Signore rivolge la parola (Gen 12,1) e la promessa (Gen 17,17). Ha provato già due volte a realizzare da sé il desiderio di discendenza, ma non è quello che ha promesso il Signore (Gen 15,2 e 16,3). Il momento più caldo della giornata è il tempo più pesante dell’esistenza, quando le fatiche pesano più delle speranze. In quel luogo in cui Abramo vive da «straniero e residente» (Gen 23,4), mentre vede più vicino lo scadere del tempo (cfr. l’annotazione sulla menopausa di Sara nel v. 11), il Signore viene a fargli visita. Si presenta a lui con il mistero del viandante. Davanti ad Abramo vi è una pluralità (tre uomini), ma questi parla loro al singolare (v. 3). I due, che accompagnano l’uomo che entra in dialogo con Abramo, si dice in 19,1, in 19,15 ed Eb 13,2 che siano angeli.

  • Promessa del figlio. Sappiamo che il bambino si chiamerà Isacco perché l’abbiamo già letto in 17,19. Il significato del nome è legato al sorriso. Se da una parte i protagonisti del racconto ridono (Abramo ride 17,17; Sara ride v. 12 e 21,6; tutti ridono 21,6; Ismaele si diverte 21,9), il nome nasconde la missione di colui che lo porta. Possiamo pensare allora che il motivo per cui si dice che tutti ridano o sorridano è perché il Signore sta ristabilendo nella letizia una situazione che sembrava destinata alla tristezza. Egli dona la gioia, che i protagonisti esprimono nel sorriso, e per questo Sara profetizzerà che per la sua gravidanza «chiunque saprà, riderà lietamente di me» (Gen 21,6).
  • Umiltà di Abramo. Abram astuto mentitore (Gen 12,10-20), bellicoso in difesa di Lot (Gen 14,13-17) e forte nello sfogo con Dio (Gen 15,1-3) è un uomo che sa essere anche molto umile. È quanto leggiamo nella proposta di invito ai viandanti, giacché questa non coincide con il pranzo effettivo. Abram minimizza l’accoglienza con «un po’ d’acqua… e un boccone di pane» (vv. 4-5); in realtà prepara un pranzo di festa: focacce, un vitello, panna e latte fresco (vv. 6-8). I gesti che accompagnano l’accoglienza dicono che più dell’ombra di un albero (v. 4), dona loro il cuore: si prostra fino a terra per salutare (gesto tipico di rispetto, v. 2); si professa servo (v. 3); resta in piedi accanto ai viandanti, segno di disponibilità al servizio (altrimenti si sarebbe seduto e avrebbe fatto servire al domestico del v. 7); accompagna i tre uomini lungo la via del congedo (v. 16).

Il versetto finale fa da gancio con il racconto seguente circa l’intercessione per Sòdoma e Gomorra (vv. 17-33). Il cronista lega i due racconti con il dettaglio di un breve tratto di strada percorso insieme. È il cammino di Abramo con Dio, il cammino dell’uomo in cui tutte le genti si potranno dire benedette (Gen 12,3; Lc 1,55.73; At 3,25; Gal 3,8.18) perché avranno scoperto l’unica cosa di cui c’è bisogno (Lc 10,42): Dio è in mezzo a noi e noi siamo sempre con Lui.


Paralleli e approfondimenti

  • Abramo esempio di fede: 1Mac 2,52; Rm 4; Eb 11; Gc 2;
  • Ospitalità: Gen 18; Es 2,20-22; Lv 25,40; Gdc 4,18; 1Re 13; 17,7-24; 2Re 4,8-17; Tb 7,1-11; Lc 10,38-42; 14,13; 19,6; Gv 4,40; At 10,48; Rm 12,13; 16,23; Fm 17-18; Gc 2,25; 1Pt 4,9;
  • Dio fa tornare il sorriso: Gb 8,21; Sal 126,2;
  • Dio ospitato nel mistero: Mt 25,35; Lc 24,29-30; Eb 13,2; Ap 3,20.

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano lo troviamo:
Nel Breviario ... 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Abramo
  • Sara
  • Mistero
  • Viandanti
  • Mamre
  • Querce
  • Accoglienza
  • Ospitalità
  • Promessa
  • Isacco
  • Riso - sorriso
  • Umiltà
  • Teofania
  • Angeli

Ultimi aggiornamenti dal blog

Colossesi 1,21-29 - Paolo ministro di Cristo

Il mistero nascosto nei secoli è Gesù Cristo, volto visibile del sì di Dio all'umanità e segno nella propria carne della comunione con il Padre. Paolo riconosce che è Lui il centro della storia e la pienezza

Continua...
Genesi 18,1-16 - Abramo e i tre viandanti

L'umiltà di Abramo nell'accogliere il Signore e i suoi angeli diventa paradigmatica. Questa teofania accade nel momento in cui Abramo fa i conti con l'avanzare dell'età e il ritardare della promessa

Continua...
Isaia 66,5-18a - Come una madre

Il ritorno degli esiliati in patria porta gioia come quando nasce un figlio. Dio come madre consola il popolo e Gerusalemme come madre riceve nuovi figli, gli esiliati di Babilonia.

Continua...