Romani 8

Vita nuova in Cristo

Sei in > Tutta la Scrittura > Corpus Paolino
precedente vv. 9-13 | successivo vv. 18-27
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 14-17

14Infatti tutti quelli che sono guidati dallo Spirito di Dio, questi sono figli di Dio.
15E voi non avete ricevuto uno spirito da schiavi per ricadere nella paura, ma avete ricevuto lo Spirito che rende figli adottivi, per mezzo del quale gridiamo: «Abbà! Padre!».
16Lo Spirito stesso, insieme al nostro spirito, attesta che siamo figli di Dio.
17E se siamo figli, siamo anche eredi: eredi di Dio, coeredi di Cristo, se davvero prendiamo parte alle sue sofferenze per partecipare anche alla sua gloria.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Gen 3,23 | Es 34,9 | Sal 89,27 | Ml 2,10 | Mt 3,17; 5,5; 6,4.9; 10,29; 17,5; 21,38; 26,39 | Mc 9,7; 12,7; 14,36 | Lc 9,35; 11,2; 15,11.31; 20,14; 22,42 | Gv 1,34; 4,21; 14,31; 16,15 | 2Cor 11,14 | Gal 4,6 | 2Pt 1,17 | 1Gv 3,1

Esercizi Spirituali di Ignazio di Loyola

Il cristiano è conformato al Cristo accolto. Lo Spirito di Dio opera la trasformazione intima della persona, come l’amore cambia il modo di vivere, di guardare la realtà e di impegnarsi nel mondo. Quando si è innamorati, chi non ha forza, la trova e chi non è coraggioso, lo diventa. Al contrario, vivere nel timore del fallimento, sentirsi oppressi dalla colpa e non avere la sensazione di qualcuno che ci attenda, dà peso al quotidiano. È ciò che Paolo esprime nell’opposizione schiavitù/figliolanza, dalle quali partono due strade differenti: la via della paura e la via della fiducia.

  • Spirito da schiavi - Spirito da figli. Lo spirito da schiavi è il maligno e nemico dell’uomo. Ignazio di Loyola negli Esercizi Spirituali ne delinea bene la fisionomia (ES 32; 313-336). Lo spirito da schiavi non vuole la vita piena della persona, per questo pesa sul cuore come un macigno, consuma le motivazioni della vocazione e indebolisce la capacità di riconoscere la voce di Dio. Se agisce con il rimorso e l’odio palesi, è perché vuole scoraggiare il cuore nel cammino verso il Signore. Se, invece, agisce con l’inganno, mostrandosi come bene alternativo a Dio, è perché l’anima è avvezza a riconoscere il male e non lo seguirebbe, se questo non si nascondesse dietro apparenze piacevoli e allettanti (2Cor 11,14). Lo Spirito da figli è lo Spirito di Dio, che ripete al cuore le parole dette dal Padre al Figlio (Mt 3,17; 17,5) e ci dichiara tutto il suo amore. Nel Vangelo di Luca c’è una parabola meravigliosa e commovente sul Padre come Colui che ama con tutto se stesso i figli, anche se questi non ne hanno conoscenza e riconoscenza grata e non sanno rispondere adeguatamente (Lc 15,11).
  • Abbà! Padre! Rivolgersi a Dio chiamandolo Padre è l’insegnamento che lo Spirito di Dio dà al nostro spirito. Come Gesù testimoniò il legame speciale e unico con il Padre, così anche noi siamo fatti capaci di alzare lo sguardo al cielo e rivolgerci al cuore di Dio. La novità che Gesù ha portato è proprio questo rapporto confidenziale con Dio nel quale lo Spirito Santo inserisce anche noi. «Abbà» è il tono amorevole del figlio verso il babbo ed è la prima parola sulle labbra di chiunque voglia pregare, come Gesù ha insegnato: «Quando pregate, dite: “Padre!”» (Lc 11,2).
  • Coeredi di Cristo. Il tema dell’eredità celeste è presente nel Nuovo Testamento in modo diffuso. La prima volta che ne troviamo menzione è nelle beatitudini di Matteo: «Beati i miti, perché avranno in eredità la terra» (Mt 5,5). Per ora, è sufficiente questo versetto per illuminarci. Si parla di una terra da ereditare. Alla lettera pensiamo a un terreno fisico, un campo o un appezzamento. In senso figurato il rimando è al regno dei cieli, terra promessa in eterno, che richiama la terra paradisiaca perduta per il peccato (Gen 3,23). Chi è che eredita una terra? Il figlio. Il mite che riceve in eredità la terra, è chi non ha bisogno di usurparla (Mt 21,38), ma la riceve perché vive con il Padre e da Lui riceve ogni bene. Il Figlio non deve sostituirsi al Padre per ricevere perché tutto ciò che è del Padre, è anche del Figlio (Lc 15,31; Gv 16,15).
  • Sofferenze e gloria. La sofferenza di cui si parla non è la passiva accettazione della vita, anzi il figlio è protagonista nella casa del padre. Essa è la condivisione tanto della fatica quotidiana, quanto dei traguardi di gioia che attraverso di essa si possono raggiungere. Ancora una volta è illuminante l’esempio di Ignazio di Loyola e come consideri il rapporto sofferenze/gloria nella meditazione delle due bandiere (ES 137-148). Per quale re sei disposto a dare tutto te stesso, sperando di poter poi condividere la stessa gloria?

Le parole di Paolo in questi versetti sono molto intense. Ogni espressione è carica di significato e si potrebbe approfondire ancora. Quello che conta, però, non è esaurire tutto quello che si può dire, quanto sperimentare profondamente, nella propria esistenza, la grazia di incontrare Dio e sentirsi dire al cuore «Tu sei mio figlio». Contemplare, meditare e gustare Dio che mi incontra e mi dice: “Figlio, ti voglio bene!”


Paralleli e approfondimenti

  • Questi è mio Figlio: Mt 3,17; 17,5; Mc 9,7; Lc 9,35; Gv 1,34; 2Pt 1,17; 
  • Abbà/Padre: Sal 89,27; Ml 2,10; Mt 6,4.9; 10,29; 26,39; Mc 14,36; Lc 11,2; 22,42; Gv 4,21; 14,31; Gal 4,6; 1Gv 3,1; 
  • Usurpare, uccidendo l’erede: Mt 21,38; Mc 12,7; Lc 20,14;
  • Eredità di Dio: Es 34,9; Mt 5,5.



© don Cosimo Quaranta

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario ... 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Abbà / Padre
  • Spirito da schiavi
  • Spirito da figli
  • Figliolanza
  • Eredità
  • Coeredi
  • Sofferenza
  • Gloria
  • Mitezza

Ultimi aggiornamenti dal blog

Salmo 94 (93) - Vendicatore di giustizia

Il titolo di vendicatore è una parola forte, ma scopriamo che il desiderio umano di vendetta è assunto da Dio nel momento in cui abitando nel cuore di chi lo accoglie, Egli può cambiare nella misericordia il malvagio verso il bene

Continua...
Geremia 1,1-3 - Parole di Geremia

L'apertura del libro di Geremia colloca il profeta nelle dimensioni spazio-temporali della sua attività. Quarant'anni, numero caro alla teologia deuteronomista, e vicinanza/lontananza da Gerusalemme

Continua...
Geremia 1,4-19 - Prima di formarti

La vocazione del profeta è la chiamata ad una relazione profonda con Dio. Geremia vivrà la vita come un dono per il popolo che si è allontanato dalla fedeltà e che Dio ama ancora profondamente e chiama a conversione

Continua...