Giovanni 14

Mostraci il Padre

Sei in > Tutta la Scrittura > Vangeli e Atti
precedente vv. 12-14 | successivo vv. 22-31
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 15-21

15Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; 16e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, 17lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi. 18Non vi lascerò orfani: verrò da voi. 19Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. 20In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi.  21Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui».
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Dt 4,6; 6; 34,10 | Sap 6,17-20; 13,5 | Sal 37,18; 94,11 | Is 49,14-15 | Zc 3 | Mt 6,25-34 | Gv 14,26; 15,26; 16,7 | 1Gv 2,1 | Ap 12

Siamo nel discorso di addio di Gesù ai suoi, iniziato nel capitolo precedente. Ai discepoli che chiedono chiarezza sulla via verso il Padre, Gesù invita a mantenere salda la fede. Leggiamo ora che promette il dono dello Spirito Santo (Paraclito) ed è il primo di cinque richiami in questa parte del Vangelo.

Parole chiave per comprendere il testo e farne meditazione.

  • Amare. Si ripete 10 volte nel capitolo, di cui 5 ora. Il discorso intreccia amare con alcune azioni (osservare, accogliere, manifestare) e tre soggetti (Padre, Figlio, discepoli). Come una giaculatoria, ripete al cuore: Dio è amore, noi lo conosciamo e possiamo rimanere nel suo amore (1Gv 4). Come fare? Gesù ha invitato ad amarsi a vicenda e poi: “amate me!” Con quale pretesa chiede di essere amato (Dt 6) se non perché è Dio stesso? Amarlo inoltre è unito all’osservanza dei comandamenti, che sono saggezza (Dt 4,6) e via per il cielo (Sap 6,17-20)
  • Conoscere. 8 volte nel capitolo, di cui 2 ora. Conoscere è proprio degli intimi, significa essere uno nell’altro. Dio conosce il cuore dell’uomo (Lc 16,15), i suoi pensieri (Sal 94,11), i suoi giorni (Sal 37,18), chi sia santo e chi finga (Nm 16,5; 2Tm 2,19). Dio si fa conoscere da Mosè (Dt 34,10) e ora si è fatto conoscere nel Figlio (Gv 1; 1Gv 1). Gesù invita a conoscere, cioè a diventare intimi, familiari ed eredità. Aveva già detto “conoscerete la verità e la verità vi farà liberi” (Gv 8,32) e anche “Io sono la via, la verità e la vita” (v. 6). Come si conosce dunque Dio? Ascoltando la Parola, vivendo l’amore reciproco e verso Dio. Lui donerà l’intimità.
  • Manifestare. Se Dio non si facesse conoscere, noi come potremmo arrivare a Lui? La Sapienza afferma: dalla grandezza e bellezza delle creature, si può contemplare l’autore (Sap 13,5). Ma noi possiamo davvero contemplare con un occhio che vada oltre il limite dell’orizzonte e ragionare per un tempo maggiore di quello da vivere? Non sarebbe forse la vita un pallido intuire Dio, se non fosse Lui ad aprire il mistero? Ecco allora Gesù che rassicura: io sono la mediazione con il Padre. Amando me, amerai il Padre e lo Spirito dischiuderà il mistero. Ora non servono i ragionamenti, ma la poesia per tentare il limite. Lascio il posto ai Gen Rosso: “Una parola solo mi hai dato/Come risposta ai miei perché;/Mi hai detto: "Ama, se vuoi capire,/Vedrai la luce sgorgare in te".
  • Paraclito. Lo Spirito Santo è detto “avvocato/consolatore”. Questo termine è proprio di Giovanni (14,16.26; 15,26; 16,7; 1Gv 2,1). Significa che lo Spirito è colui che ci difende dalle accuse di Satana davanti a Dio (Zc 3,1; Ap 12,10) e che è colui che non lascia soli perché ci con-sola, cioè sta-con-chi-è-solo. E Gesù ancora una volta aggiunge un termine di familiarità: “non vi lascerò orfani” (se anche una donna si dimenticasse di suo figlio, io non ti dimenticherò mai! Is 49,14-15).

Paralleli e approfondimenti

  • Amare Dio (Deuteronomio 6)
  • Analogia dalle creature al Creatore (Sapienza 13,5; Matteo 6,25-34)
  • Satana accusatore (Zaccaria 3; Apocalisse 12)
  • Spirito Paraclito (Giovanni 14,26; 15,26; 16,7; 1Giovanni 2,1)
  • Dio più di una mamma ci ha sempre davanti a sé (Isaia 49,14-15)

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario non troviamo questa pericope. 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Spirito Santo
  • Madre
  • Mani di Dio
  • Amare
  • Cuore
  • Creatore
  • Creatura
  • Conoscere
  • Manifestare
  • Paraclito
  • Accusatore
  • Ultima cena
  • Addio

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...