Deuteronomio 8

Una buona terra

Sei in > Tutta la Scrittura > Pentateuco
precedente vv. 1-5 | successivo vv. 11-20
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 6-10

6 Osserva i comandi del Signore, tuo Dio, camminando nelle sue vie e temendolo, 7perché il Signore, tuo Dio, sta per farti entrare in una buona terra: terra di torrenti, di fonti e di acque sotterranee, che scaturiscono nella pianura e sulla montagna; terra di frumento, di orzo, di viti, di fichi e di melograni; terra di ulivi, di olio e di miele; terra dove non mangerai con scarsità il pane, dove non ti mancherà nulla; terra dove le pietre sono ferro e dai cui monti scaverai il rame. 10 Mangerai, sarai sazio e benedirai il Signore, tuo Dio, a causa della buona terra che ti avrà dato.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Gen 1 | Es 14-15 | Dt 10,12-13; 11,10-12 | 2Sam 22 | 2Re 18,32 | Ne 9,11| Sal 1; 18; 23; 138 | Sir 18,13 | Is 40,11; 43 | Ger 2,7; 31,10; 43,12 | Ez 34,12 | Os 14,10 | Bar 3,13 | Mt 4,19; 6,25-34; 22,16 | Mc 12,14 | Lc 20,21 | Gv 1,39; 14,6; 21,22 | At 18,26

    Il cap. 8° è parte del secondo discorso di Mosè, in cui richiama all’alleanza e alla fede, insistendo sulla fedeltà di Dio. Essere fedeli è dunque una risposta all’amore di Dio. La terra che stanno per ricevere gli Israeliti è ricca, fertile e accogliente.

    Alcune note di riflessione su questi versetti.

    • Osservare i comandi. Gli Israeliti sono richiamati alla fedeltà perché Dio è fedele. Osservarne i comandi è unito a due espressioni: camminare nelle vie del Signore ed essere nel suo timore (v. 6). Cosa significa? Camminare nelle vie del Signore è un’espressione ricorrente nella Scrittura. Per gli ascoltatori di Mosè è anzitutto memoria dell’esodo: Dio ha aperto la via nel Mar Rosso, ha guidato il popolo nel deserto e oggi continua a indicare la via che porta a Lui. Dio è come un pastore (Sal 23), perciò camminare nella sua via significa avere fiducia nella sua parola, vivere secondo i suoi comandi, nutrirsi di ciò che esce dalla sua bocca (8,3), perché Lui è la vita del mondo. Il timore è, secondo questa espressione, venerazione e fedeltà a Dio per non perdere il bene. Temere Dio è amarlo perché è buono (Dt 10,12-13).
    • Una buona terra. Due volte si ripete nei vv. 7 e 10, come una parentesi al cui interno vi è la descrizione della terra stessa. Essa è buona perché viene dalle mani di Dio: l’ha creata buona (Gen 1). È buona perché fa vivere bene il popolo. È buona, infine, perché è immagine del paradiso, di cui questa terra è solo un pallido richiamo. Che sia una tenue immagine del paradiso lo leggiamo anche altrove, quando si vanta la terra promessa: in 11,10-12 è migliore della terra d’Egitto perché questa è curata da Dio, mentre quella era amara per la schiavitù; in 2Re 18,32 la terra che Dio dona, nessuna divinità o re terreno può offrirla e in Ger 2,7 la terra promessa è sua ed è “Karm-El”, cioè giardino di Dio.
    • Benedirai il Signore. Dio è il Benedetto perché dà la vita e mantiene nella vita sempre. L’uomo benedice Dio perché riconosce la dipendenza vitale da Lui. Dipende (o pende) dalla sua bocca (8,3).

    Penso alle parole di Gesù nel discorso della montagna quando guarda i gigli del campo e gli uccelli del cielo e invita a non temere per il domani (Mt 6,25-34). La terra in cui Dio mi fa entrare è sia il mio quotidiano, sia il futuro che ancora non conosco. Osservare i suoi comandi è camminare nella direzione che Lui prepara per me e che so essere buona. La buona terra in cui mi conduce è la gioia quotidiana, la serenità del figlio tra le braccia della madre. Benedirlo è amarlo con tutto il cuore, servirlo e insegnare agli altri a fare altrettanto.


    Paralleli e approfondimenti

    • Le vie del Signore / la via di Dio (2Sam 22 = Sal 18; Sal 1; 138,5; Os 14,10; Bar 3,13; Mt 22,16 // Mc 12,14 // Lc 20,21; At 18,26) 
    • Dio apre una via nel mare (Es 14-15; Ne 9,11; Is 43,16) 
    • e nel deserto (Is 43,19)
    • Gesù è la via (Gv 14,6) e bisogna seguirlo (Mt 4,19; Gv 1,39; 21,22)
    • Dio come un pastore (Sir 18,13; Is 40,11; Ger 31,10; 43,12; Ez 34,12)


    Quando si usa nella preghiera questo testo?

    Nella liturgia questo brano lo troviamo:
    • ...
    Nel Breviario ... 

    In altri riti:
    • ...
    TAg di riflessione e commento
    • Mosè
    • Discorso
    • Terra promessa
    • Terra buona
    • Benedire
    • Timore di Dio
    • Osservare
    • Comandi
    • Pastore
    • Via
    • Strada

    Ultimi aggiornamenti dal blog

    1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

    La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

    Continua...
    Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

    Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

    Continua...
    Amos 6 - Non siete i migliori

    Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

    Continua...
    Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

    Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

    Continua...