Atti degli Apostoli 2

Il discorso di Pietro a Pentecoste

Sei in > Tutta la Scrittura > Vangeli e Atti
precedente vv. 1-13 | successivo vv. 22-28
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento. 

vv. 14-21

14 Allora Pietro con gli Undici si alzò in piedi e a voce alta parlò a loro così: "Uomini di Giudea, e voi tutti abitanti di Gerusalemme, vi sia noto questo e fate attenzione alle mie parole. 15 Questi uomini non sono ubriachi, come voi supponete: sono infatti le nove del mattino; 16 accade invece quello che fu detto per mezzo del profeta Gioele:

17 Avverrà: negli ultimi giorni - dice Dio -
su tutti effonderò il mio Spirito;
i vostri figli e le vostre figlie profeteranno, 
i vostri giovani avranno visioni
e i vostri anziani faranno sogni. 
18 E anche sui miei servi e sulle mie serve
in quei giorni effonderò il mio Spirito
ed essi profeteranno.
19 Farò prodigi lassù nel cielo
e segni quaggiù sulla terra,
sangue, fuoco e nuvole di fumo.
20 Il sole si muterà in tenebra
e la luna in sangue,
prima che giunga il giorno del Signore, 
giorno grande e glorioso.
21 E avverrà:
chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi
Ger 14 | Is 2; 55 | Am | Gl | Dn | Mt 24 | At 2,1-13 | At 11 | Rm 7,5; 8; 10,9 | Ap 2-3

San Pietro, Pentecoste San Pietro riceve e comunica la Pentecoste

Il discorso che leggiamo in questi versetti e nei successivi è pronunciato da Pietro, ma è ben evidente dall’incipit che non è attribuito a lui soltanto. Il testo, infatti, riporta che Pietro e gli Undici si alzarono in piedi (totale Dodici perché c’è Mattia al posto di Giuda Iscariota At 1,15-26) e lui per tutti parlò alla gente convenuta nei pressi della casa. Nei versetti precedenti leggiamo che tutti avevano profetato e si erano espressi “nel modo in cui lo Spirito dava loro potere” (2,4), mentre ora è Pietro che per tutti ad alta voce insegna.

Il discorso di Pietro copre quasi tutto il capitolo 2 e per il commento in queste pagine è stato diviso in quattro parti: le prime tre fanno riferimento alle tre grandi citazioni dell’Antico Testamento, mentre l’ultima è la conclusione con il dialogo tra Pietro e gli uditori. Segue nei versetti 42-47 un sommario sulla prima comunità cristiana.

Pietro esordisce dicendo che loro non sono ubriachi. È l’insinuazione di 2,13. I destinatari del discorso sono gli uomini di Giudea e gli abitanti di Gerusalemme. I secondi sono lì presenti perché cittadini del posto, i primi invece si sono radunati per l’occasione della festa di Pentecoste aggiungendosi a quelli. Poiché tale discorso non si rivolge a un unico destinatario, ma a molti (potremmo aggiungere tutti gli stranieri elencati nei vv. 9-11), possiamo a giusta ragione definirlo missionario in due sensi. È missionario perché dà testimonianza dell’opera dello Spirito che è Dio agli Israeliti che attendono la manifestazione di Dio. È missionario perché supera i confini del popolo di Israele pur essendo pronunciato ancora in questa terra.

La prima citazione grande è del profeta Gioele e serve a introdurre ciò che Pietro dirà nel v. 33, ovvero che Dio Padre ha effuso lo Spirito Santo promesso.

La citazione del profeta richiama un tema caro anche ad Amos nell’Antico Testamento e a Paolo nella 1Corinzi: il giorno del Signore, il tempo del Messia.

Inoltre è concorde con le parole di Gesù in Matteo 24 quando preannuncia questo giorno e mette in guardia i suoi dal pericolo di non riconoscerlo.

I segni descritti in questa citazione coinvolgono il cielo e la terra, ma l’attenzione dei discepoli non deve farsi distrarre da tutto questo. Il loro obiettivo è riconoscere l’avvento del Signore per invocarne il nome, infatti “chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato”. Cosa farà il Signore in questo giorno? Egli effonde lo Spirito. Il Signore che è amore, amando effonde se stesso verso le creature, che sono da sempre destinatarie del suo amore, di se stesso. Quando lo Spirito è accolto dalla persona, questa parla e dunque finalmente prega perché la parola dello Spirito è la parola intima che si dirige verso il Padre da cui è venuta (Is 55; Rm 8; 1Cor 14).


Paralleli e approfondimenti

  • Nome del Signore sul popolo: “noi siamo chiamati con il tuo nome” (Geremia 14)
  • Profezie del giorno del Signore (Isaia 2; Amos, Gioele, Daniele, Zaccaria)
  • Non perdere l’occasione del giorno del Signore (Matteo 24)
  • Alcuni profeti andarono da Gerusalemme ad Antiochia (Atti 11,27)
  • Lo Spirito libera per la vita nuova (Romani 7,5)
  • Chi pronuncia il nome di Gesù è salvato (Romani 10,9)
  • Non rinnegare il nome di Dio (Apocalisse 2-3)


Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario .... 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Spirito Santo
  • Profezia
  • Profetare
  • Gerusalemme
  • Prima comunità
  • Origini
  • San Pietro
  • Ministero
  • Missione
  • Predicazione
  • Accogliere lo Spirito

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...