Atti degli Apostoli 1

Prologo

Sei in > Tutta la Scrittura > Vangeli e Atti
precedente vv. 1-2 | successivo vv. 6-8
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento. 

vv. 3-5

3Egli si mostrò a essi vivo, dopo la sua passione, con molte prove, durante quaranta giorni, apparendo loro e parlando delle cose riguardanti il regno di Dio.
4Mentre si trovava a tavola con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere l'adempimento della promessa del Padre, «quella - disse - che voi avete udito da me: 5Giovanni battezzò con acqua, voi invece, tra non molti giorni, sarete battezzati in Spirito Santo».
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi
Gen 7,4; 8,6; 50,3 | Es 16,35; 24,18; 34,28 | Nm 13,25 | Dt 2,7 | 2Sam 5,4 | 1Re 19,8 | Sal 95,10 | Is 44,3 | Ez 11,19; 36,26 | Gl 3,1 | Am 2,10 | Zc 12,10 | Mt 4,1 | Mc 1,15 | Lc 3,16; 4,2; 9,2; 11,20 | Gv 14,15; 15,26 | At 11,16; 13,31 | 1Tm 4,14

San Pietro, Pentecoste San Pietro riceve e comunica la Pentecoste

Siamo nell’introduzione degli Atti. Questi versetti e 1,1-2, costituiscono la cerniera con il Vangelo di Luca. Protagonista è Gesù che si mostra vivo ai discepoli per quaranta giorni, istruendoli «sulle cose riguardanti il regno di Dio» (v. 3), ordinando di restare a Gerusalemme finché non si fosse compiuta la promessa del Padre (v. 4), ovvero il dono dello Spirito Santo (v. 5). Alcuni punti chiave:

  • Quaranta giorni di istruzione. Il numero quaranta è simbolico (diluvio universale Gen 8,6; Mosè sul Sinai Es 24,18; digiuno di Mosè Es 34,28; Elia sul monte di Dio 1Re 19,8; Gesù nel deserto Lc 4 e Mt 4) e rappresenta un periodo particolarmente significativo (At 13,31). I discepoli hanno dunque ricevuto un’istruzione fondamentale per la fede e la futura missione. Conoscere le cose di Dio però non è tutto ciò che conta, come se l’intelligenza sia tutto, infatti hanno bisogno di un sigillo, lo Spirito stesso di Dio Padre che scenderà a confermare i loro cammini.
  • L’istruzione è sul regno di Dio. Tutta la vita di Gesù è stata un’istruzione sul regno di Dio... potremmo citare tutto il Vangelo. Tre semplici rimandi per farne memoria:
    • Gesù predica il regno di Dio. Marco apre il Vangelo con l’annuncio: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo» (1,15).
    • Gesù racconta il regno di Dio. Nel Vangelo molte sono le parabole sul regno. Spesso introdotte con l’espressione «il regno dei cieli è come / simile a». Si tratta di racconti brevi ed efficaci per dirne la realtà preziosa, nascosta e benedicente.
    • Gesù ha l’autorità del regno. Egli afferma: «Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio» (Lc 11,20). Quando invia in missione comanda di: «annunciare il regno di Dio e guarire gli infermi» (Lc 9,2).
  • Promessa del Padre. Gesù ha promesso lo Spirito Santo. Perché qui dice che è promesso dal Padre? È un’ulteriore affermazione sull’unità della Trinità? Possiamo intendere che tutta la Scrittura è la promessa di comunione del Padre ai figli. Nell’AT i profeti assicurano il dono della presenza di Dio nello Spirito (Is 44,3; Ez 11,19; 36,26+; Gl 3,1+; Zc 12,10) e Gesù fa altrettanto (Gv 14,15+; 15,26). La promessa del Padre è il sigillo su ogni figlio, la conferma della sua presenza personale per donargli la sua stessa vita. Gesù è la promessa del Padre e ora che lui ascende, non lascia orfani (Gv 14,18), ma prega perché ricevano la sovrabbondanza di Dio stesso. L’amore è riversato ancora sugli amati.
  • Battesimo e Spirito. Leggeremo più avanti che la prassi battesimale è molteplice; l’imposizione delle mani è la preghiera di effusione dello Spirito (1Tm 4,14).

Cosa insegna il testo? Qualunque tempo della vita si stia vivendo, è importante saper stare nella propria Gerusalemme, cioè nel centro in cui si è scoperto il Signore vivo nella propria vita. La memoria come attività del cuore è esercizio di salvezza se unita costantemente a Parola e preghiera. Lasciarsi istruire per un tempo significativo è preparare il cuore allo Spirito che consola, conforta e guida (Lc 3,16; At 11,16)


Paralleli e approfondimenti

  • Numero quaranta: Gen 7,4; 8,6; 50,3; Es 16,35; 24,18; 34,28; Nm 13,25; Dt 2,7; 2Sam 5,4; 1Re 19,8; Sal 95,10; Am 2,10; Mt 4,1; Mc 1,13; Lc 4,2; At 1,3; 
  • Promessa dello Spirito AT: Is 44,3; Ez 11,19; 36,26; Gl 3,1; Zc 12,10; 
  • Promessa dello Spirito NT: Lc 3,16; Gv 14,15; 15,26; At 11,16


Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario .... 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Quaranta
  • Regno di Dio
  • Ascensione
  • Risurrezione
  • Apparizione post pasquale
  • Prologo
  • Luca
  • Giovanni Battista
  • Battesimo
  • Spirito Santo

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...