Geremia 20

Mi hai sedotto, Signore

Sei in > Tutta la Scrittura > Profeti
precedente vv. 1-6 | successivo 21,1-10
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 7-18

7 Mi hai sedotto, Signore, e io mi sono lasciato sedurre;
mi hai fatto violenza e hai prevalso.
Sono diventato oggetto di derisione ogni giorno;
ognuno si beffa di me.
Quando parlo, devo gridare,
devo urlare: "Violenza! Oppressione!".
Così la parola del Signore è diventata per me
causa di vergogna e di scherno tutto il giorno.
Mi dicevo: "Non penserò più a lui,
non parlerò più nel suo nome!".
Ma nel mio cuore c'era come un fuoco ardente,
trattenuto nelle mie ossa;
mi sforzavo di contenerlo,
ma non potevo.
10 Sentivo la calunnia di molti:
"Terrore all'intorno!
Denunciatelo! Sì, lo denunceremo".
Tutti i miei amici aspettavano la mia caduta:
"Forse si lascerà trarre in inganno,
così noi prevarremo su di lui,
ci prenderemo la nostra vendetta".
11 Ma il Signore è al mio fianco come un prode valoroso,
per questo i miei persecutori vacilleranno
e non potranno prevalere;
arrossiranno perché non avranno successo,
sarà una vergogna eterna e incancellabile.
12 Signore degli eserciti, che provi il giusto,
che vedi il cuore e la mente,
possa io vedere la tua vendetta su di loro,
poiché a te ho affidato la mia causa!
13 Cantate inni al Signore,
lodate il Signore,
perché ha liberato la vita del povero
dalle mani dei malfattori.
14 Maledetto il giorno in cui nacqui;
il giorno in cui mia madre mi diede alla luce
non sia mai benedetto.
15 Maledetto l'uomo che portò a mio padre il lieto annuncio:
"Ti è nato un figlio maschio", e lo colmò di gioia.
16 Quell'uomo sia come le città
che il Signore ha distrutto senza compassione.
Ascolti grida al mattino
e urla a mezzogiorno,
17 perché non mi fece morire nel grembo;
mia madre sarebbe stata la mia tomba
e il suo grembo gravido per sempre.
18 Perché sono uscito dal seno materno
per vedere tormento e dolore
e per finire i miei giorni nella vergogna?
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:

Gb 3 | Sal 28; 31; 72; 88; 144 | Ct 8,6 | Ger 1,5.12; 5,14; 23,29 | Os 2 | Gn 2 | Mt 5; 25 | Lc 1,52 | Rm 8,26-27

    Geremia è vittima di molte persecuzioni. È profeta per le nazioni, pensato per questa missione fin dal concepimento (1,5), ma non è riconosciuto tale dai suoi contemporanei, specialmente dai sacerdoti, i saggi e i profeti (18,18). Ora leggiamo una splendida poetica, tanto intima e intensa, da commuovere. Si intrecciano lamento e lode, speranza e rancore.

    • I vv. 7-9 la parola del Signore infiamma il profeta. Le parole di Geremia sono forti: la seduzione di Dio è quasi un inganno o un tranello. Nell’AT non ci sono molte espressioni così pesanti contro il Signore; Giobbe lamenta la sua nascita (Gb 3), il Salmo 88 è il grido di un orante abbandonato da Dio e il v. 10 è parallelo al Salmo 31,14. L’accusa è grave. La seduzione è opera ingannatrice dell’uomo, della donna o del male. Perché Geremia usa questa espressione? Egli sente come un fuoco nel cuore (v. 9): l’amore ardente suscitato dalla Parola di Dio non gli permette un pensiero che non sia il Signore. Il Cantico dei Cantici definisce l’amore “fiamma del Signore” (Ct 8,6): come la sposa non ha pace finché l’amato non è con lei, così il profeta finché la Parola di Dio non ha sposato la terra e ogni uomo (Os 2). La parola dell’uomo è derisione, beffa, scherno e calunnia. La Parola di Dio è fuoco sulla bocca del profeta, chiamato a gridare verità contro la menzogna, giustizia contro il sopruso e fedeltà contro l’idolatria. Dio vigila sulla sua Parola (1,12) ed è letizia per chi l’accoglie (15,16), specialmente per Geremia “bocca” di Dio (15,19).
    • Il v. 10 calunnie contro Geremia. Quale sia la calunnia non è specificato. La rivincita che i nemici vorrebbero infliggere non è per un male commesso, ma perché il profeta richiama alla giustizia e alla verità: è scomodo per gli interessi di chi usa il potere, senza che questo sia invece servizio al prossimo.
    • I vv. 11-13 il Signore difende il profeta. La lode al Signore guerriero che difende i miseri è tipica negli inni e nei Salmi. Le immagini di questi versetti parlano di una lotta che Dio stesso conduce contro i nemici del profeta. Non è violenza fisica o morte, ma all’interno del cuore (v. 12) dove a Dio nulla è nascosto: sarà vergogna per i malvagi scoprire il giudizio per le loro iniquità (v. 11). Il v. 12 riprende 11,20 contro Anatot ed è ripreso da Rm 8,27: Dio che è più intimo a noi di noi stessi, conosce le debolezze e le ricchezze, innalza gli umili e rovescia i potenti (Lc 1,52).
    • I vv. 14-18 maledizioni e sofferenza. La maledizione della nascita è parallela a Giobbe 3. Leggiamo nel gioco degli opposti la grande sofferenza del profeta:
      • Maledetto - mai benedetto: benedire è aggiungere vita, maledire è toglierla. Maledire la nascita è cancellarla da ogni memoria e storia.
      • Lieto annuncio - grida al mattino: la parola di nascita è sovrastata dalla morte.
      • Padre - figlio: la nascita di un figlio rigenera un uomo che diventa padre. Togliere la nascita è togliere la benedizione anche di un’altra persona.
      • Tomba - grembo: primo e ultimo grembo coincidono; il tempo non avanza più.
      • Uscito dal seno - finire i giorni: non ha senso vivere sotto il segno della morte.

    Il tormento di Geremia è il grido di tutti i perseguitati per la giustizia (Mt 5) e i miseri della storia in cui l’uomo non riconosce il volto di Dio (Mt 25).



    Paralleli e approfondimenti

    • Salmi/lodi simili: Sal 28; 31; 72; 88; 144; Gn 2; Gb 3 
    • Parola-fuoco per Geremia 5,14; 20,9; 23,29.

    Quando si usa nella preghiera questo testo?

    Nella liturgia questo brano profetico lo troviamo:
    Nel Breviario
    • ...

    In altri riti:
    • ...
    TAg di riflessione e commento
    • Geremia
    • Profeta
    • Parola
    • Fuoco
    • Seduzione
    • Calunnia
    • Persecuzioni
    • Difensore
    • Maledizione
    • Nascita - morte
    • Cuore

    Ultimi aggiornamenti dal blog

    1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

    La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

    Continua...
    Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

    Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

    Continua...
    Amos 6 - Non siete i migliori

    Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

    Continua...
    Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

    Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

    Continua...