Efesini 1

La sovranità di Cristo

Sei in > Tutta la Scrittura > Corpus Paolino
precedente vv. 3-14 | successivo vv. 20-23
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 15-19

15 Perciò anch'io, avendo avuto notizia della vostra fede nel Signore Gesù e dell'amore che avete verso tutti i santi, 16 continuamente rendo grazie per voi ricordandovi nelle mie preghiere, 17 affinché il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui; 18 illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi 19 e qual è la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi, che crediamo, secondo l'efficacia della sua forza e del suo vigore.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Es 3,6 | 1 Re 18 | Sal 89; 110 | Sap 13,5 | Ger 16,21; 32,18 | Mt 5,17; 12,8 | Mc 2,28 | Lc 6,5 | Gv 17,22-23 | Rom 12 | 1Cor 12 | Col 1 | Ap 19

Chiusura del primo capitolo sono i testi profondi sulla lode della fede degli Efesini (15-19) e l’intronizzazione di Cristo capo della Chiesa e di tutte le cose (22-23).

Nei vv. 15-19 l’autore rende grazie per fede di questa comunità e dichiara di pregare perché possano ricevere lo spirito che li apra ancora di più alla conoscenza del Signore. Ci troviamo davanti a due interessanti prospettive di teologia e antropologia.

  • Teologia. Considerando questi versetti, teologia è ciò che ci viene trasmesso sul mistero di Dio che si rivela a noi. Non conosciamo Dio perfettamente (lo spirito di sapienza e rivelazione del v. 17 è sempre da chiedere), ma possiamo balbettare su di Lui perché Egli stesso si rivela a noi. Come si rivela?
  • Signore Gesù: Gesù è dichiarato Signore, il titolo più alto tra tutti. È propriamente pasquale (Gv 20,13.28; Fil 3,8) e sulle labbra di Elisabetta come profezia (Lc 1,43). Gesù è Signore, cioè unico al di sopra di tutti (v. 22). Il signore (kyrios) è il padrone di casa, il padre di famiglia, il marito, colui che provvede alla casa. Dio più volte aveva affermato la sua signoria e il profeta che meglio ci ricorda questa verità è Elia. È lui che sul monte Carmelo gridò: “YHWH è il Signore!” (1Re 18).
  • Il Dio del Signore nostro Gesù Cristo: frequente nella Scrittura è l’appellativo “Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe” (Es 3,6). Ora leggiamo questa meravigliosa espressione che conferma e approfondisce il mistero di Dio. In che senso? Dio è proclamato dei patriarchi quando si sottolinea che fa promesse di bene e le porta a compimento. Ora Dio è detto “di Gesù” perché Gesù è il compimento delle promesse fatte ai padri, infatti aveva detto di sé: “non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento” (Mt 5,17).
  • Il Padre della gloria: Dio è anche gloria perché splendore (Sap 13,5) di tutto quanto esiste e splendore che fa splendida la vita.
  • Sua eredità, sua potenza, sua forza, suo vigore: Dio è vivo e fa vivere in eterno.
  • Antropologia. Per antropologia intendiamo la riflessione sulla persona umana di questi versetti. Il modello di umanità presentata è nella categoria della figliolanza. L’umanità è capace di amore reciproco (v. 15), di pregare intercedendo l’uno per l’altro (v. 16), di ricevere lo spirito di Dio (v. 17), centro è il cuore (v. 18) e il rapporto di figliolanza è detto “eredità” (v. 19 - l’erede è il figlio). Due note:
  • Cuore: è il centro vitale, il luogo in cui si conosce Dio. Lontani da ogni tentazione gnostica (l’intelligenza come unica possibilità di verità su Dio), il cuore è il centro insondabile, punto di convergenza dell’intelletto, delle emozioni, della memoria e della volontà in cui la grazia (spirito di sapienza del v. 17) dona di conoscere speranza, tesoro e potenza di Dio.
  • Erede: il figlio è l’erede. La grazia di Dio è potente e consiste nell’essere stati innalzati a stretta parentela con lui (1,11) e di sedergli accanto (2,6). Il tesoro di gloria dato in eredità (v. 16) è essere a Dio graditi come gloria (1,12); la stessa gloria che ha dato al Figlio (Gv 17,22-23) è riversata sulla Chiesa.


Paralleli e approfondimenti

  • Testo parallelo come sinottico: Colossesi 1
  • Dio è Signore (1Re 18; Salmo 89; 110; Geremia 16,21; 32,18) 
  • Gesù è Signore (Matteo 12,8 // Marco 2,28 // Luca 6,5; Romani 12; 1Corinzi 12; Apocalisse 19)



© dCQ

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario non troviamo questa pericope. 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Spirito di sapienza
  • Signore
  • Padre della gloria
  • Rivelazione
  • Occhi del cuore
  • Illuminare
  • Comprendere
  • Speranza
  • Potenza
  • Forza
  • Vigore
  • Eredità
  • Santi

Ultimi aggiornamenti dal blog

Salmo 94 (93) - Vendicatore di giustizia

Il titolo di vendicatore è una parola forte, ma scopriamo che il desiderio umano di vendetta è assunto da Dio nel momento in cui abitando nel cuore di chi lo accoglie, Egli può cambiare nella misericordia il malvagio verso il bene

Continua...
Geremia 1,1-3 - Parole di Geremia

L'apertura del libro di Geremia colloca il profeta nelle dimensioni spazio-temporali della sua attività. Quarant'anni, numero caro alla teologia deuteronomista, e vicinanza/lontananza da Gerusalemme

Continua...
Geremia 1,4-19 - Prima di formarti

La vocazione del profeta è la chiamata ad una relazione profonda con Dio. Geremia vivrà la vita come un dono per il popolo che si è allontanato dalla fedeltà e che Dio ama ancora profondamente e chiama a conversione

Continua...