Giovanni 6

Pane vivo

Sei in > Tutta la Scrittura > Vangeli e Atti
precedente vv. 30-47 | successivo vv. 60-71
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 48-59

48 Io sono il pane della vita. 49 I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; 50 questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. 51 Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo".
52 Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: "Come può costui darci la sua carne da mangiare?".
53 Gesù disse loro: "In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. 54 Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell'ultimo giorno. 55 Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda. 56 Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. 57 Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me. 58 Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno".
59 Gesù disse queste cose, insegnando nella sinagoga a Cafàrnao.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Es 16-17 | Nm 11; 20 | Dt 8 | Lc 15; 19,10; 22,19-20 | Gv 1,14; 4; 10,10; 11,52; 15 | At 17,28 | 1Cor 10; 11,24

I versetti che leggiamo sono parte del “discorso del pane”. In particolare leggiamo la rivelazione di Gesù che afferma di sé: “Io sono il pane della vita” e “Il pane vivo”. Il discorso è pronunciato nella sinagoga di Cafarnao (v. 59). Alcuni punti di riflessione:

  • Io-Sono. Fa da inclusione (v. 49 e 58) a questi versetti il rimando alla manna nel deserto (Es 16). Gesù afferma che i padri mangiarono quel cibo e il corso della vita continuò ordinariamente come tutti i mortali. Nella manna Cristo era prefigurato (1Cor 10), ma ora il pane che offre è se stesso. Poiché Egli è la vita del mondo (v. 51), la forza vitale del cibo che offre, dura in eterno. Io-Sono è la formula di rivelazione divina ricorrente nel Vangelo (7 volte in Giovanni) e richiama Esodo 3,14. Gesù apre l’accesso al Padre e rivela il suo desiderio di comunione con i figli. “Io-sono il pane della vita” significa che si fa dono come alimento (v. 55): è un anticipo dell’offerta di sé nel sacramento del pane e del vino durante l’ultima cena. “Io-Sono il pane vivo/vivente” significa che non solo è alimento, ma energia vitale. Tutti gli alimenti danno energia, secondo la propria natura. Ciò che è terreno, dà una forza limitata a questa terra. Egli, che è Dio, non si esaurisce in questo tempo: è la vita (1,4) e fa vivere chi si innesta in lui (10,10 e cap. 15).
  • Mangiare la carne e il sangue. Gesù afferma che la sua carne è il pane che discende dal cielo (v. 51). Cosa significa? Le espressioni mangiare la carne e bere il sangue, ci fanno percepire un linguaggio forte, crudo, intenso, tanto che i Giudei rifiutano queste parole (v. 52). Giovanni fin dall’inizio del Vangelo insiste sulla carne assunta dal Verbo (1,14), sottolineando la volontà del Padre di toccare l’umanità nella debolezza più estrema. Secondo il linguaggio biblico, “carne” è la condizione di mortalità e debolezza, che il Figlio di Dio sceglie di abitare e fortificare. Ecco allora che: discendere dal cielo indica l’origine divina, andare verso la terra significa l’assunzione dell’umano in tutta la fragilità e il passaggio semantico da pane a carne significa che Dio si fa accessibile, secondo la nostra capacità di accoglierlo per elevarci a ciò che Lui è (Atanasio, Ireneo e Leone). La croce, verso cui tutto il Vangelo tende, è il definitivo “per” gli altri.
  • Relazioni vitali. Il Padre è la vita e ha la vita. Egli ha dato all’uomo il proprio soffio (Gen 2,7) e la possibilità unica della relazione con Lui. Rovinata la relazione dal peccato (Gen 3), non è perduto l’amore del Padre (Lc 15), il quale dona il Figlio per radunare a sè tutti i suoi figli (Lc 19,10; Gv 11,52).

Gesù è dunque il compimento delle promesse e delle attese del popolo di Israele, anche se i suoi ascoltatori non ne accettano l’origine divina. Egli porta la comunione con il Padre, che è il nostro tutto in tutte le direzioni vitali: è il passato perché da Lui veniamo, è il presente perché è la vita in cui viviamo (At 17,28) ed è il futuro perché verso Lui camminiamo. Come si unisce a ognuno di noi oltre l’incarnazione? Come ci nutriamo di lui? Non lo dice chiaramente in questi versetti, ma lo apprendiamo dal Vangelo intero. Nutrirsi di Gesù è ascoltarlo (Parola), accoglierlo (Sacramenti), servirlo (carità), testimoniarlo (comunità e testimonianza).

Paralleli e approfondimenti

  • Cristo è la fonte d’acqua viva (Giovanni 4; 1Corinzi 10,3) 
  • Ultima cena (Luca 22,19-20 e //i; 1Corinzi 11,24)
  • Prefigurato simbolicamente nel deserto: pane (Esodo 16 e Numeri 11) e acqua (Esodo 17 e Numeri 20); 1Corinzi 10

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario non troviamo questa pericope. 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Manna
  • Pane
  • Vivo / vivente
  • Vita eterna
  • Sangue
  • Carne
  • Vero cibo
  • Vera bevanda
  • Mangiare
  • Bere
  • Cafarnao
  • Discorso
  • Sinagoga

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...