Atti degli Apostoli 8

La missione di Filippo

Sei in > Tutta la Scrittura > Vangeli e Atti
precedente vv. 1-4 | successivo vv. 9-13
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 5-8

5Filippo, sceso in una città della Samaria, predicava loro il Cristo.
6E le folle, unanimi, prestavano attenzione alle parole di Filippo, sentendolo parlare e vedendo i segni che egli compiva.
7Infatti da molti indemoniati uscivano spiriti impuri, emettendo alte grida, e molti paralitici e storpi furono guariti.
8E vi fu grande gioia in quella città.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
2Re 17,24-41 | Gn 4,9-11 | Mt 9,12; 28,20 | Mc 16,17+ | Lc 10,29-37; 17,11-19 | Gv 4; 13,35; 14,1-14.27 | At 10,34

San Pietro, Pentecoste San Pietro riceve e comunica la Pentecoste

Nel capitolo 8° leggiamo della diffusione della Chiesa in Samaria. Non una città, ma una regione, fatto che indica una crescita della Chiesa oltre il prevedibile.

Alcune parole chiave.

  • Samaria - Perché oltre il prevedibile? Scrivo così perché solo nel cap. 10 ascolteremo da Pietro che “Dio non fa preferenze di persone” (10,34). In questo tempo germinale della Chiesa, la diffusione del Vangelo in Samaria potrebbe essere inaspettata dato che, come riferisce Giovanni, tra Giudei e Samaritani non correva buon sangue. Nell’incontro tra Gesù e la Samaritana leggiamo: “i Giudei non hanno rapporti con i Samaritani” (Gv 4,9). Ora invece, nel nome di Cristo, le differenze sono superate. La gioia di conoscere Gesù e l’amore reciproco che ha insegnato, sanano rapporti storicamente difficili e bloccati da ataviche inimicizie.
  • Cristo/Messia - anche i Samaritani attendevano il Messia (Gv 4) e li porta alla fede la persona di Gesù. È interessante leggere nella semplicità del versetto la scarsa articolazione pastorale. Con le categorie odierne potrebbe sembrare poco predicare Gesù senza unire un’attività pastoralmente adatta al luogo, all’età, al periodo liturgico e a tante altre garanzie di buona comunicazione. Ogni buon supporto veicola meglio il messaggio e bisogna avere tecnica, non solo buona volontà. L’esperienza di Filippo ci ricorda che non deve mancare il cuore del messaggio: Cristo, il Messia, l’atteso, colui che è con te, vive nella tua storia e ora ti parla.
  • Parole e segni - Filippo predicava e operava. Si realizza la parola del Vangelo “questi sono i segni che accompagneranno quelli che credono” (Mc 16,17+). Perché ora questi segni non accadono per chiunque crede? Perché segni prodigiosi li hanno compiuti alcuni santi, ma non tutti i battezzati? Semplice: perché non sono gli unici che accompagnano i credenti e non sono né gli unici, né indispensabili, per comunicare la fede. Qualche esempio:
      • “Da questo sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri” (Gv 13,35). Quante volte rifiutiamo un credente perché non è credibile? È l’amore a Dio unito all’amore reciproco che danno testimonianza.
      • “Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo io la do a voi” (Gv 14,27). Una comunità, una famiglia, una persona che non vive e non crea la pace, se non offre il Dio della pace, offre al mondo l’idolo di se stesso.

Dio è misericordia e Gesù ne è il volto. La gioia dell’ultimo v. 8 e la testimonianza di Filippo ci insegnano che il rapporto con Gesù è ciò che conta. Anche per noi sia quotidiano, sincero e pieno di misericordia. Il Signore accompagnerà quelli che sono suoi; infatti: “Ecco, sono con voi fino alla fine del mondo” (Mt 28, 20).


Paralleli e approfondimenti

  • Il Signore ama senza preferenze: Giona 4,9-11; Mt 9,12; At 10,34;
  • Questione Giudei e Samaritani: 2Re 17,24-41; Gv 4;
  • I segni che accompagnano l'apostolato: Mc 16,17; Lc 10,17-24; Gv 13,35;
  • Il Signore è con i suoi: Mt 28,20; Gv 14,1-14

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario .... 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Spirito Santo
  • Filippo
  • Parole e segni
  • Samaria
  • Diffusione del Vangelo
  • Evangelizzazione
  • Chiesa nascente

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...