Atti degli Apostoli 6

I diaconi

Sei in > Tutta la Scrittura > Vangeli e Atti
precedente 5,34-42 | successivo vv. 8-15
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 1-7

1 In quei giorni, aumentando il numero dei discepoli, quelli di lingua greca mormorarono contro quelli di lingua ebraica perché, nell'assistenza quotidiana, venivano trascurate le loro vedove. 2 Allora i Dodici convocarono il gruppo dei discepoli e dissero: "Non è giusto che noi lasciamo da parte la parola di Dio per servire alle mense. 3Dunque, fratelli, cercate fra voi sette uomini di buona reputazione, pieni di Spirito e di sapienza, ai quali affideremo questo incarico. 4 Noi, invece, ci dedicheremo alla preghiera e al servizio della Parola". 5 Piacque questa proposta a tutto il gruppo e scelsero Stefano, uomo pieno di fede e di Spirito Santo, Filippo, Pròcoro, Nicànore, Timone, Parmenàs e Nicola, un prosèlito di Antiòchia. 6 Li presentarono agli apostoli e, dopo aver pregato, imposero loro le mani.
7 E la parola di Dio si diffondeva e il numero dei discepoli a Gerusalemme si moltiplicava grandemente; anche una grande moltitudine di sacerdoti aderiva alla fede.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Es 18,13-27 | Nm 27,16-17 | Dt 1,9-18 | Is 12,2-3 | Lc 4,16-21; 18,1-8 | At 2,41.42.47; 8,28; 13,3; 15,28 | 1Tm 4,14 

San Pietro, Pentecoste San Pietro riceve e comunica la Pentecoste

I capitoli precedenti narrano della Chiesa di Gerusalemme. Leggiamo ora la crescita (6-12) da Gerusalemme ad Antiochia e le prime missioni. Qui c’è una narrazione dello sviluppo dell’attività missionaria con l’istituzione della diaconia (servizio) e ci segue la storia del primo martire Stefano (6,8-8,1a).

Non leggiamo il sostantivo diaconi, bensì diaconia, cioè servizio. L’istituzione dei Diaconi è voluta dai Dodici. Questi convocano l’assemblea dei discepoli e prendono provvedimenti in merito alla questione delle lacune nel soccorso dei poveri. Notiamo due gruppi linguistici e ciò era dovuto alla differente origine e lingua (anche alcune sinagoghe vivevano la stessa situazione). La decisione di istituire alcuni per la diaconia non è nuova nella Scrittura. Il primo a scegliere collaboratori fu Mosè su consiglio del suocero (Es 18,13-27 e Dt 1,9-18). La loro creazione avvenne appena usciti dall’Egitto. Parimenti per la Chiesa primitiva questo accade dopo il primo periodo di sofferta e gioiosa nascita ed espansione. Come gli Israeliti, anche la prima Chiesa, potremmo dire, passò attraverso le doglie di una generazione in cui l’esodo dal passato e la crescita del nuovo (2,41.47; 6,1) sono guidati dall’assistenza dello Spirito. Lo Spirito suggerisce le decisioni e accompagna la missione (8,29; 15,28).

I Dodici continueranno il ministero della Parola e della preghiera, i Sette si dedicheranno alla Diaconia e alla preghiera (sottintesa qui, esplicita in 2,42, secondo l’insegnamento di Gesù in Lc 18,1-8).

Perché aumentare collaboratori e struttura? Perché il popolo non sia senza pastori, come Mosè stesso aveva chiesto a Dio (Nm 27,16-17); i Dodici conoscono bene la Scrittura. La struttura della prima Chiesa che apprendiamo da queste informazioni è: la Chiesa è grande e in crescita, sotto la presidenza dei Dodici, ricca della vitalità attiva di tutti i discepoli. Questi, come nell’attuale rito di ordinazione (ricordo i nostri), presentano ai Dodici (al vescovo) gli uomini scelti per il servizio: di buona reputazione, pieni di Spirito e di sapienza (proprio come il servo del Signore di Is 12,2-3 e Lc 4,16-21). La sottolineatura di Stefano è preambolo alla narrazione successiva. Egli per tutti incarnerà l’immagine di Gesù (cap. 7). La specificazione aggiunta a Nicola e il numero 7 sottolinea la grande diffusione del Vangelo (sette erano le comunità straniere scacciate dalla terra di Canaan) ed è una nuova missione, senza lotte e nel servizio (13,18-19).

Il gesto di imporre le mani è ripetuto diverse volte (13,3; 1Tm 4,14) ed è segno del dono dello Spirito che consacra. L’imposizione delle mani è chirotesia (keiros = mano e tithemi = porre) o chirotonia (teino = tendere) ed è il gesto che si ripete ancora oggi nel conferimento del sacramento dell’Ordine.


Paralleli e approfondimenti

  • Mosè ha bisogno di collaboratori (Esodo 18,13-27; Numeri 27,16-17; Deuteronomio 1,9-18)
  • La Chiesa cresce continuamente (Atti 2,41; 2,47; 6,1)
  • Lo Spirito suggerisce (Atti 8,29; 15,28) e consacra (Isaia 12,2-3; Luca 4,16-21)
  • Pregare senza sosta (Luca 18,1-8 + Gesù nel Getsemani; Atti 2,42)
  • Imposizione delle mani nella Chiesa primitiva (Atti 13,3; 1Timoteo 4,14)


© dCQ

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario .... 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Spirito Santo
  • Diaconi
  • Imposizione delle mani
  • Collaboratori
  • Parola
  • Servizio
  • Stefano

Ultimi aggiornamenti dal blog

Salmo 94 (93) - Vendicatore di giustizia

Il titolo di vendicatore è una parola forte, ma scopriamo che il desiderio umano di vendetta è assunto da Dio nel momento in cui abitando nel cuore di chi lo accoglie, Egli può cambiare nella misericordia il malvagio verso il bene

Continua...
Geremia 1,1-3 - Parole di Geremia

L'apertura del libro di Geremia colloca il profeta nelle dimensioni spazio-temporali della sua attività. Quarant'anni, numero caro alla teologia deuteronomista, e vicinanza/lontananza da Gerusalemme

Continua...
Geremia 1,4-19 - Prima di formarti

La vocazione del profeta è la chiamata ad una relazione profonda con Dio. Geremia vivrà la vita come un dono per il popolo che si è allontanato dalla fedeltà e che Dio ama ancora profondamente e chiama a conversione

Continua...