Salmo 90 (89)

Tu sei un rifugio

Sei in > Tutta la Scrittura > Sapienziali e poetici
precedente Sal 89 (88) | successivo Sal 91 (90)
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

Tu sei un rifugio

1 Preghiera. Di Mosè, uomo di Dio.

Signore, tu sei stato per noi un rifugio
di generazione in generazione.

2 Prima che nascessero i monti
e la terra e il mondo fossero generati,
da sempre e per sempre tu sei, o Dio.

3 Tu fai ritornare l'uomo in polvere,
quando dici: «Ritornate, figli dell'uomo».

4 Mille anni, ai tuoi occhi,
sono come il giorno di ieri che è passato,
come un turno di veglia nella notte.

5 Tu li sommergi:
sono come un sogno al mattino,
come l'erba che germoglia;

6 al mattino fiorisce e germoglia,
alla sera è falciata e secca.

7 Sì, siamo distrutti dalla tua ira,
atterriti dal tuo furore!

8 Davanti a te poni le nostre colpe,
i nostri segreti alla luce del tuo volto.

9 Tutti i nostri giorni svaniscono per la tua collera,
consumiamo i nostri anni come un soffio.

10 Gli anni della nostra vita sono settanta,
ottanta per i più robusti,
e il loro agitarsi è fatica e delusione;
passano presto e noi voliamo via.

11 Chi conosce l'impeto della tua ira
e, nel timore di te, la tua collera?

12 Insegnaci a contare i nostri giorni
e acquisteremo un cuore saggio.

13 Ritorna, Signore: fino a quando?
Abbi pietà dei tuoi servi!

14 Saziaci al mattino con il tuo amore:
esulteremo e gioiremo per tutti i nostri giorni.

15 Rendici la gioia per i giorni in cui ci hai afflitti,
per gli anni in cui abbiamo visto il male.

16 Si manifesti ai tuoi servi la tua opera
e il tuo splendore ai loro figli.

17 Sia su di noi la dolcezza del Signore, nostro Dio:
rendi salda per noi l'opera delle nostre mani,
l'opera delle nostre mani rendi salda.

© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Gen 1,1; 3,19 | Nm 14,34 | Dt 33,1.11 | Gs 14,6 | 1Re 3,4-15 | 1Cr 23,14 | 2Cr 1,3-12; 30,16 | Esd 3,2 | Est 4,17y | Gb 14,1-2 | Sal 17,15; 37,2; 93,2; 103,15-16; 138,6 | Qo 12,1-7 | Sap 9,1-12 | Sir 15,2; 24,19 | Is 40,6-7; 49,16; 66,13 | Ab 1,12 | Lc 1,48 | At 17,28 | 1Cor 8,6 | Ef 5,16 | 1Ts 2,7 | 1Tm 6,11 | 2Tm 3,17 | 2Pt 3,8

Il Salmo 90 introduce la quarta parte di cinque del libro dei Salmi.

È l’unico sotto il nome di Mosè. È improbabile che gli appartenga davvero senza che sia mai citato del Pentateuco, ma è certo che attraverso la figura dell’antico patriarca si comprende il senso del testo. Diversi sono i richiami alla creazione e all’opera della salvezza che il popolo intero deve riconoscere. L’orante è un uomo devoto che, esaltando la custodia di Dio, cerca la benedizione e invita gli altri a desiderarne la sapienza. Ecco la mia personale proposta di struttura e commento:

  • Il v. 1a: pseudonimo dell’autore: Mosè «uomo di Dio» (Dt 33,1). Più di 70 volte nella Scrittura qualcuno è definito così. È segno di una vita vissuta nella fedeltà e testimonianza del Signore.
  • I vv. 1bc-6 Dio opera nella creazione. Dio è il Creatore. Dalle sue mani è stato generato tutto ciò che esiste. Egli è descritto con tratti paterni e materni insieme: per l’uomo è rifugio, per la terra è chi l’ha generata e fatta nascere. L’uomo, che viene dalla polvere e alla polvere ritorna, sente la drammaticità dello scorrere del tempo e paragona la propria esistenza all’erba di campo: oggi è verde germoglio, domani secca sterpaglia. Ma Dio è eterno, da sempre e per sempre. Questa fedeltà esistenziale di Dio è il fondamento della fede dell’orante che gli affida il suo oggi.
  • I vv. 7-11 l’uomo è limitato dal tempo e dal peccato. Due tarli consumano il vivere limitato dell’uomo: il tempo e il peccato. L’uomo non è eterno e l’orgoglio del volersi fare come Dio lo consuma dall’interno di se stesso. Ogni peccare assomiglia dunque a quello dei progenitori. Vivere è descritto come un affannarsi e agitarsi fino al definitivo «volare via». Che cosa allora conta davvero? Se tutto passa, cosa resta e qual è la vera saggezza della vita?
  • I vv. 12-17 supplica. Nei versetti finali si risponde alla domanda su cosa abbia valore. Otto verbi formano l’unica supplica con cui l’orante eleva la preghiera:
    • Insegnaci a contare: ciò che è massimamente desiderabile è la sapienza (1Re 3; Sap 9);
    • Ritorna, Signore: l’uomo torna alla terra, Dio si mostri sempre vicino all’uomo;
    • Abbi pietà: Dio si rivolge verso l’umile (Sal 138,6; Lc 1,48) e l’umile verso Dio;
    • Saziaci: nessun giorno è ricco di senso, se non c’è un amore che lo sostenga;
    • Rendici la gioia: in nessuno c’è gioia piena, se non in chi dà la vita (Est 4,17y);
    • Si manifesti: è sapienza guardare la storia con gli occhi di Dio e amare come Lui;
    • Sia su noi la dolcezza: vivere in Dio come nella tenerezza materna (Is 49,16);
    • Rendi salda l’opera: il chiasmo finale chiede che sia salda l’opera dell’uomo. Ma se l’uomo è breve di giorni di quale opera si tratta? È la ricerca della sapienza, riconosciuta e lodata nei versetti precedenti e ora invocata come pienezza di vita.

Il testo invita a meditare sulla grandezza dell’opera di Dio, per desiderare la saggezza del cuore che fa diventare suoi amici come Mosè. L’apertura del Salmo con il suo nome, dunque, non è casuale, ma significa che nella relazione con Dio è svelato al cuore dell’uomo il senso dell’esistenza che il Signore dona (At 17,28; 1Cor 8,6).


Paralleli e approfondimenti

  • Riferimenti nei Salmi: 17,15; 37,2; 93,2; 103,15-16; 
  • Mosè uomo di Dio: Dt 33,1; Gs 14,6; 1Cr 23,14; 2Cr 30,16; Esd 3,2; 
  • Essere uomini di Dio: 1Tm 6,11; 2Tm 3,17; 
  • Come una madre: Sir 15,2; Is 66,13; 1Ts 2,7; 
  • Altri riferimenti: Gen 1,1; 3,19; Nm 14,34; Gb 14,1-2; Qo 12,1-7; Is 40,6-7; Ab 1,12; Ef 5,16; 2Pt 3,8.


Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano lo troviamo:
Nel Breviario (numerazione 89):
  • Lodi del lunedì della IV Settimana del Salterio

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Rifugio
  • Creazione
  • Generazione
  • Terra
  • Mille
  • Tempo
  • Vita breve
  • Peccato
  • Fiducia
  • Sapienza
  • Gioia
  • Dolcezza
  • Mosè

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...