Salmo 86 (85)

Dona al tuo servo la tua forza

Sei in > Tutta la Scrittura > Sapienziali e poetici
precedente Sal 85 (84) | successivo Sal 87 (86)
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

Dona al tuo servo la tua forza

1 Supplica. Di Davide.

Signore, tendi l'orecchio, rispondimi,
perché io sono povero e misero.

Custodiscimi perché sono fedele;
tu, Dio mio, salva il tuo servo, che in te confida.

Pietà di me, Signore,
a te grido tutto il giorno.

4 Rallegra la vita del tuo servo,
perché a te, Signore, rivolgo l'anima mia.

Tu sei buono, Signore, e perdoni,
sei pieno di misericordia con chi t'invoca.

Porgi l'orecchio, Signore, alla mia preghiera
e sii attento alla voce delle mie suppliche.

Nel giorno dell'angoscia alzo a te il mio grido
perché tu mi rispondi.

Fra gli dèi nessuno è come te, Signore,
e non c'è nulla come le tue opere.

Tutte le genti che hai creato verranno
e si prostreranno davanti a te, Signore,
per dare gloria al tuo nome.

10 Grande tu sei e compi meraviglie:
tu solo sei Dio.

11 Mostrami, Signore, la tua via,
perché nella tua verità io cammini;
tieni unito il mio cuore,
perché tema il tuo nome.

12 Ti loderò, Signore, mio Dio, con tutto il cuore
e darò gloria al tuo nome per sempre,

13 perché grande con me è la tua misericordia:
hai liberato la mia vita dal profondo degli inferi.

14 O Dio, gli arroganti contro di me sono insorti
e una banda di prepotenti insidia la mia vita,
non pongono te davanti ai loro occhi.

15 Ma tu, Signore, Dio misericordioso e pietoso,
lento all'ira e ricco di amore e di fedeltà,

16 volgiti a me e abbi pietà:
dona al tuo servo la tua forza,
salva il figlio della tua serva.

17 Dammi un segno di bontà;
vedano quelli che mi odiano e si vergognino,
perché tu, Signore, mi aiuti e mi consoli.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Dt 8,18 | Gdc 6,14-17.36-40; 16,28 | 1Sam 2,9 | Got 9,9 | Sal 1; 5; 16,7-8; 25-27; 29,11; 54; 68,36; 88; 92,11; 116; 138,3 | Sap 2,1-3,12 | Sir 46,9; 47,5 | Is 30,15; 40,29.31 | Bar 1,12 | Ez 3,9 | Dn 2,23.37 | Zc 12,5 | Mt 4,17 | At 18,9 | 2Tm 4,17

Il Salmo 86 è nella terza parte di cinque del libro dei Salmi. È una composizione sicuramente tardiva poiché richiama diversi passi della Scrittura, specialmente altri Salmi. Esso dimostra che c’è una fede viva nel popolo orante, nutrita dalla singolare fiducia in Dio soltanto. Richiamare altri Salmi e imitarne lo stile ci insegna che la preghiera è insieme realtà del cuore che liberamente si rivolge a Dio, ma anche rispetto di una norma spirituale, interiorizzata grazie alla costante meditazione e orazione. Sebbene nel titolo si attribuisca la composizione a Davide, indaghiamo chi ci sia dietro le righe: l’orante è un fedele e si rivolge al Signore “ogni giorno” (v. 3b); si definisce sia servo (vv. 2b, 4a, 16b), che appartenente alla famiglia poiché servo nato in casa da una serva e non acquistato (v. 16c); cerca la compassione di Dio (v. 1c) al quale esprime la sua angoscia (v. 7); ha sempre davanti a sé il Signore (v. 14c) e da Lui attende un segno/segnale di bontà e forza (v. 17). Ecco struttura e commento:

  • Il v. 1a nota salmo di supplica; pseudonimo dell’autore: Davide.
  • I vv. 1b-7 Supplica. Meravigliosa descrizione della misericordia e bontà di Dio. L’orante non lesina parole per concentrarsi sulla grandezza del Signore cui rivolge la sua preghiera di supplica. Più di un terzo del Salmo è dedicato a supplicare, mentre parallelamente descrive la magnificenza di Dio: è in ascolto, custodisce, salva, prova pietà e compassione, rallegra, è buono, misericordioso e attento.
  • I vv. 8-10 Riconoscimento universale. Il Signore è superiore agli déi delle nazioni e la creazione, opera delle sue mani, ne è la prova. Per la misericordia e le sue meraviglie tutti riconosceranno la grandezza di Dio.
  • I vv. 11-13 Conversione personale e fedeltà. La prima richiesta dell’orante è che il suo cuore sia reso fedele. Prima di chiedere un aiuto su ciò che è esterno alla sua vita, si concentra su ciò che dipende da lui: camminare nella via di Dio. Il richiamo ai Sal 1, 26 e 27 è forte. Dio libera il suo fedele dallo Sheol perché garantisce vita serena e duratura già nella conversione (Is 30,15; Mt 4,17).
  • I vv. 14-17 Aiuto e forza per il fedele. In questi ultimi versetti è più esplicita la richiesta di aiuto: la forza contro i nemici (v. 16b) che insidiano la vita (v. 14b). Gli arroganti che non pongono Dio davanti ai propri occhi sono palesemente opposti al fedele che pone davanti a sé il Signore e per questo non vacilla: da Lui si lascia istruire (Sal 16,7-8). Essi sono come gli empi che sragionando decidono di tendere insidie al giusto e, canzonandolo per la sua speranza, non sanno di essere immagine di Dio e del suo amore (Sap 2,1-3,12). L’orante chiede un segno che gli dia forza (v. 17); possiamo leggere questa supplica richiamando l’esperienza di Gedeone in Gdc 6,36-40.

Il Salmo è una splendida lode per ravvivare in noi la fiducia in Dio e ricordarci che solo da Lui abbiamo speranza e forza. È bello pregare con queste parole al mattino prima del lavoro, in un tempo di fatica o insegnarlo a chi è in cerca di coraggio.



Paralleli e approfondimenti

  • Dio dà forza: Dt 8,18; Gdc 6,14-17; 16,28; 1Sam 2,10; Gdt 9,9; Sal 29,11; 68,36; 92,11; 138,3; Sir 46,9; 47,5; Is 40,29.31; Bar 1,12; Ez 3,9; Dn 2,23; 2,37; Zc 12,5; At 18,9; 2Tm 4,17.
  • Salmi paralleli 1; 5; 25-27; 54; 88; 116. 

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano lo troviamo:
Nel Breviario (numerazione 85):
  • ...

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Salmo
  • Forza
  • Supplica
  • Fedeltà
  • Angoscia
  • Cammino
  • Via di Dio
  • Servo di Dio
  • Bontà
  • Misericordia

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...