Zaccaria 9

Il Messia

Sei in > Tutta la Scrittura > Profeti
precedente vv. 1-8 | successivo vv. 11-17
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 9-10

9 Esulta grandemente, figlia di Sion,
giubila, figlia di Gerusalemme!
Ecco, a te viene il tuo re.
Egli è giusto e vittorioso,
umile, cavalca un asino,
un puledro figlio d'asina.
10 Farà sparire il carro da guerra da Èfraim
e il cavallo da Gerusalemme,
l'arco di guerra sarà spezzato,
annuncerà la pace alle nazioni,
il suo dominio sarà da mare a mare
e dal Fiume fino ai confini della terra.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:

Gen 9,12-16 | Es 15 | 1Sam 2,4 | 1Re 1 | Is 11,1-9 | Os 2,20 | Sof 2,3; 3,12 | Mt 5,1-11; 11,29; 21,1-5 | Mc 11,1-11 | Gv 12,14-15

    Zaccaria è contemporaneo di Aggeo e il testo è databile tra il 520-518 a.C., periodo della ricostruzione del Tempio dopo la dominazione persiana. Così comprendiamo le affinità e anche la speranza di rinnovamento universale del tempo messianico che il Signore realizza. I versetti sono carichi di significato. Possono aprirci un mondo di meditazione e preghiera. Il tempo messianico è il centro dell’annuncio.

    • Il v. 9 il re di Gerusalemme. Motivo di gioia per la città santa è il ritorno del re che non è identificato con nessun uomo in particolare. La figlia di Sion che gioisce è l’intero popolo di Israele finalmente libero e unito, impegnato nella ricostruzione dei simboli perduti. Il re che fa ingresso nella sua città è immagine di una ritualità nota nelle monarchie. Simbolicamente è quasi la descrizione di un matrimonio: come gli sposi si ricevono e si accolgono a vicenda, così il re con la città che lo riconosce signore e così anche Dio verso l’anima fedele. In Osea 2,20 il Signore è come sposo per il popolo, sua sposa e, come in questi versetti, la pace tra gli uomini è legata a una nuova fertilità della terra. È la benedizione della vita che cresce.  
    • Descrizione del re. Egli è giusto, vittorioso e umile. Giusto significa che è carico di bene per il popolo: anzitutto la pace. In questo i versetti sono paralleli alla profezia di pace di Isaia 11,1-9. È vittorioso perché la fine del dominio di Alessandro Magno su Siria e Palestina (vv. 1-8) è immagine della fine di ogni dominio sull’uomo e della ritrovata libertà di figli e servi di Dio. È umile come i poveri di YHWH in Sofonia 2,3 e 3,12. Essi non sono una categoria economica, ma etica e religiosa: sono quelli che cercano la giustizia del Signore. Gesù riprenderà due volte queste immagini nell’insegnamento (Beatitudini in Mt 5,1-11) e applicandole a se stesso (è mite e umile di cuore Mt 11,29 - fa ingresso a Gerusalemme cavalcando un’asina Mt 21,1-5 e Gv 12,14-15). In 1Re 1 leggiamo di Adonia su un cavallo e Salomone su un asino; l’uno è arrogante, l’altro umile.
    • Il v. 10 il dominio del re. La pace messianica è un annientamento dei segni di violenza e arroganza. Il carro e il cavallo, come nell’esodo degli Israeliti dall’Egitto (Es 15) sono segno di un’arroganza cui Dio mette un limite. L’arco di guerra in 10c e la pace in 10d ci ricordano l’arco di Genesi 9,12-16, segno di alleanza dopo il diluvio universale. Dio è il Signore della storia e muta gli archi di guerra e morte in arcobaleni di pace e benedizione. 10e e 10f sono la geografia ideale della terra promessa e descrivono la Palestina unita (Regno del nord e Regno di Giuda): mare e mare sono il Mediterraneo (ovest) e il Mar Morto (sud-est), mentre Fiume e confini della terra sono l’Eufrate (nord ed est) e tutte le terre a sud.

    L’immagine che riceviamo da questi versetti e dalla descrizione della pace messianica è di una unità ricevuta e ritrovata. Ricevuta perché dono di Dio. Ritrovata perché da sempre nel cuore dell’uomo come aspirazione alla vita vera. Il messianismo di questi versetti non va interpretato con la stessa consapevolezza del NT. Non possiamo leggere il profeta Zaccaria con le stesse categorie interpretative del Vangelo di Marco o dei discorsi di San Paolo.


    Paralleli e approfondimenti

    • Abbiamo trovato il Messia: Gv 1,41;
    • Sei tu il Messia? Gv 4,25.

    © don Cosimo Quaranta

    Quando si usa nella preghiera questo testo?

    Nella liturgia questo brano profetico lo troviamo:
    • XIV Domenica del T. Ordinario anno A
    Nel Breviario
    • ...

    In altri riti:
    • ...
    TAg di riflessione e commento
    • Zaccaria profeta
    • Messia
    • Figlia di Sion
    • Esultare
    • Efraim
    • Gerusalemme
    • Re
    • Giusto
    • Vittorioso
    • Umile
    • Asina/o
    • 520-518 a.C.

    Ultimi aggiornamenti dal blog

    Salmo 94 (93) - Vendicatore di giustizia

    Il titolo di vendicatore è una parola forte, ma scopriamo che il desiderio umano di vendetta è assunto da Dio nel momento in cui abitando nel cuore di chi lo accoglie, Egli può cambiare nella misericordia il malvagio verso il bene

    Continua...
    Geremia 1,1-3 - Parole di Geremia

    L'apertura del libro di Geremia colloca il profeta nelle dimensioni spazio-temporali della sua attività. Quarant'anni, numero caro alla teologia deuteronomista, e vicinanza/lontananza da Gerusalemme

    Continua...
    Geremia 1,4-19 - Prima di formarti

    La vocazione del profeta è la chiamata ad una relazione profonda con Dio. Geremia vivrà la vita come un dono per il popolo che si è allontanato dalla fedeltà e che Dio ama ancora profondamente e chiama a conversione

    Continua...