Geremia 31

Amata di amore eterno

Sei in > Tutta la Scrittura > Profeti
precedente cap. 30 | successivo vv. 10-14
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 1-9

1In quel tempo - oracolo del Signore -
io sarò Dio per tutte le famiglie d'Israele
ed esse saranno il mio popolo.
2Così dice il Signore:
Ha trovato grazia nel deserto
un popolo scampato alla spada;
Israele si avvia a una dimora di pace».
3Da lontano mi è apparso il Signore:
«Ti ho amato di amore eterno,
per questo continuo a esserti fedele.
4Ti edificherò di nuovo e tu sarai riedificata,
vergine d'Israele.
Di nuovo prenderai i tuoi tamburelli
e avanzerai danzando tra gente in festa.
5Di nuovo pianterai vigne sulle colline di Samaria;
dopo aver piantato, i piantatori raccoglieranno.
6Verrà il giorno in cui le sentinelle grideranno
sulla montagna di Èfraim:
«Su, saliamo a Sion,
andiamo dal Signore, nostro Dio».
7Poiché dice il Signore:
Innalzate canti di gioia per Giacobbe,
esultate per la prima delle nazioni,
fate udire la vostra lode e dite:
«Il Signore ha salvato il suo popolo,
il resto d'Israele».
8Ecco, li riconduco dalla terra del settentrione
e li raduno dalle estremità della terra;
fra loro sono il cieco e lo zoppo,
la donna incinta e la partoriente:
ritorneranno qui in gran folla.
9Erano partiti nel pianto,
io li riporterò tra le consolazioni;
li ricondurrò a fiumi ricchi d'acqua
per una strada dritta in cui non inciamperanno,
perché io sono un padre per Israele,
Èfraim è il mio primogenito».
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:

Es 13,21 | Dt 1,31; 8,5; 32,6 | 1Cr 29,10 | Gb 31,18 | Sal 5,9; 27,1; 126,5 | Pr 3,12; 20,24 | Sap 11,10 | Sir 50,29 | Is 2,5; 4,3; 26,17; 40; 41,10; 43,16; 48,17; 63,16; 64,7; 65,21 | Ger 1,10; 2,2; 3,18; 18,7 | Os 2,16-17; 11,1 | Am 9,14 | Ml 3,17 | Mt 23,9 | Gv 4,1; 8,12; 9,5; 14,6 | 2Cor 6,18 | Ef 2,14

    Il ritorno degli esiliati è come un nuovo esodo per Israele che deve ricominciare ad essere un popolo pacificato e unito. Il punto unificatore è il Signore verso il quale tutti i dispersi camminano; Egli è pace e unità. Queste tematiche sono comuni a Is 40.

    Fondamentale è il primo versetto che riprende e rinnova quanto riportato poco prima in 30,22. La promessa di 30,22, infatti, parte dalla prospettiva del popolo che riconosce di appartenere al Signore e questi si mostra suo Dio. Ora, invece, è Dio per primo che, con la formula dell’alleanza, assicura di essere punto di ancoraggio della fede di tutte le famiglie/tribù di Israele e questi rispondono riconoscendolo unico Dio. L’ordine delle espressioni è A-B in 30,22; B’-A’ in 31,1. Considero il v. 31,1 come introduzione del capitolo, sebbene il discorso diretto potrebbe suggerire di considerarlo parte integrante di quanto iniziato in 30,16.

    • Amata di amore eterno. I vv. 2-6 sono di grande profondità. Geremia intreccia l’esperienza attuale degli esiliati a quella storica dei protagonisti dell’esodo. Sentiamo inoltre la voce del Signore che parla: nel v. 1 il messaggio di Dio è consegnato nel discorso indiretto; nel v. 2 il profeta riporta le parole di Dio; nel v. 3 finalmente Dio parla direttamente, senza quasi che il profeta debba fare oltre da intermediario. La gradualità del manifestarsi divino è bontà di Dio che vuole raggiungere il cuore dei suoi eletti. Chi sono questi eletti, amati fin dall’eternità? Sono tutti i figli di Dio oppressi che camminano verso la pace. Ecco allora che il v. 2 parla di deserto e spada. Il deserto è la prova del popolo guidato da Mosè secoli prima, invece la spada rappresenta la condizione degli esiliati del tempo di Geremia. La quieta dimora (v. 2) è la pace eterna in cui riposano i padri, mentre Sion è il centro del culto ritrovato (v. 6). Camminare verso entrambi significa camminare verso Dio perché Egli solo è la pace di ogni cuore. Ora riconosciamo che queste parole sono profezia di Cristo, quando in Ef 2,14 è detto pace e unificazione dei cuori dei figli di Dio. L’amore eterno esprime la fedeltà di Dio.
    • Edificare, danzare, piantare, gridare, salire. Il linguaggio profetico richiama temi diffusi nel testo (Ger 1,10; 2,2; 18,7) e in altri profeti (Is 65,21; Os 2,16-17; 11,1; Am 9,14). Ciò che Israele riceve dal Signore è la benedizione di una vita che cresce nella pace. Edificare e piantare simboleggiano il futuro per il quale si può progettare. Danzare e gridare (o cantare) manifestano la gioia per il bene ritrovato. Salire è profezia di unità nello stesso culto per cui non vi è più un regno separato (Nord-Sud), un popolo disperso (patria-esilio) o gente impedita nel gaudio (danzare-cieco/zoppo/donna gravida). Salire, infatti, è l’ultimo movimento necessario nel cammino verso Sion e nessuno si sentirà più separato da Dio.
    • Io sono un padre per Israele. Il profeta conosce bene le immagini con cui Dio si è fatto conoscere da Israele. Dio che chiama se stesso «padre» per Israele è un rimando alla cura di cui danno testimonianza la letteratura sapienziale (Gb 31,18; Pr 3,12; Sap 11,10), storica (1Cr 29,10), profetica (Is 63,16; 64,7; Ml 3,17) e il Deuteronomio (Dt 8,5; 32,6). Il Nuovo Testamento è la rivelazione definitiva di questa verità (Mt 23,9). È una dichiarazione che supera il semplice affetto e tocca tutte le corde dell’umanità. Il cieco, lo zoppo e le donne gravide (incinta o in procinto di partorire) sono rappresentanti di coloro che non camminano più. Simbolicamente rappresentano coloro che sono impediti nel cammino libero e spedito e hanno bisogno di essere risollevati, sostenuti, liberati.

    Il cieco è colui che ha bisogno anzitutto della luce per godere del mondo. Il Signore è luce e salvezza (Es 13,21; Sal 27,1; Sir 50,29; Is 2,5; Gv 8,12; 9,5). Lo zoppo forse poteva camminare, ma è inciampato negli ostacoli della vita ed è rimasto bloccato, nessuno lo ha riabilitato perché riprendesse a camminare. Il Signore è la guida e la strada verso la vita (Sal 5,9; Pr 20,24; Sir 50,29; Is 41,10; 43,16; 48,17; Gv 14,6). La gravida e la partoriente sono donne che vivono il desiderio del futuro; la vita che portano in grembo dice a un tempo dipendenza da loro e anche soccorso di cui esse hanno bisogno dall’esterno. Il Signore è il sostegno di chi genera speranza (Is 26,17).



    Paralleli e approfondimenti

    • Altri riferimenti: Dt 1,31; Sal 126,5; Is 4,3; 40,3; Ger 3,18; Gv 4,1; 2Cor 6,18.

    © don Cosimo Quaranta

    Quando si usa nella preghiera questo testo?

    Nella liturgia questo brano profetico lo troviamo:
    Nel Breviario
    • ...

    In altri riti:
    • ...
    TAg di riflessione e commento
    • Geremia
    • Amore eterno
    • Ritorno
    • Esilio
    • Vergine d'Israele
    • Efraim
    • Cieco
    • Zoppo
    • Partoriente
    • Gravida
    • Consolazione
    • Primogenito
    • Giacobbe
    • Monte di Sion

    Ultimi aggiornamenti dal blog

    Luca 10,1-20 - La missione dei Settantadue

    I Settantadue sono segno dell'apertura missionaria verso tutto il mondo. La comunità di Gesù è più grande del piccolo cerchio che si stringe attorno. La gioia di costoro nasce dalla consapevolezza di vivere davanti al volto di Dio

    Continua...
    Pienezza. Il primo libro di BeeBlaLo

    Il primo libro di BeeBlaLo giunge in libreria dopo due anni di ricerca, discussioni e confronti. La direzione verticale della salita al cielo del Risorto ha la stessa traiettoria dei desideri di felicità e pienezza del cuore umano.

    Continua...
    Salmo 94 (93) - Vendicatore di giustizia

    Il titolo di vendicatore è una parola forte, ma scopriamo che il desiderio umano di vendetta è assunto da Dio nel momento in cui abitando nel cuore di chi lo accoglie, Egli può cambiare nella misericordia il malvagio verso il bene

    Continua...