Geremia 1

Prima di formarti

Sei in > Tutta la Scrittura > Profeti
precedente vv. 1-3 | successivo cap. 2
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 4-19

4Mi fu rivolta questa parola del Signore:

5«Prima di formarti nel grembo materno, ti ho conosciuto,
prima che tu uscissi alla luce, ti ho consacrato;
ti ho stabilito profeta delle nazioni».
6Risposi: «Ahimè, Signore Dio!
Ecco, io non so parlare, perché sono giovane».
7Ma il Signore mi disse: «Non dire: «Sono giovane».
Tu andrai da tutti coloro a cui ti manderò
e dirai tutto quello che io ti ordinerò.
8Non aver paura di fronte a loro,
perché io sono con te per proteggerti».
Oracolo del Signore.
9Il Signore stese la mano
e mi toccò la bocca,
e il Signore mi disse:
«Ecco, io metto le mie parole sulla tua bocca.
10Vedi, oggi ti do autorità
sopra le nazioni e sopra i regni
per sradicare e demolire,
per distruggere e abbattere,
per edificare e piantare».

11Mi fu rivolta questa parola del Signore: «Che cosa vedi, Geremia?». Risposi: «Vedo un ramo di mandorlo». 12Il Signore soggiunse: «Hai visto bene, poiché io vigilo sulla mia parola per realizzarla».
13Mi fu rivolta di nuovo questa parola del Signore: «Che cosa vedi?». Risposi: «Vedo una pentola bollente, la cui bocca è inclinata da settentrione». 14Il Signore mi disse:

«Dal settentrione dilagherà la sventura
su tutti gli abitanti della terra.
15Poiché, ecco, io sto per chiamare
tutti i regni del settentrione.
Oracolo del Signore.
Essi verranno
e ognuno porrà il proprio trono
alle porte di Gerusalemme,
contro le sue mura, tutt'intorno,
e contro tutte le città di Giuda.
16Allora pronuncerò i miei giudizi contro di loro,
per tutta la loro malvagità,
poiché hanno abbandonato me
e hanno sacrificato ad altri dèi
e adorato idoli fatti con le proprie mani.
17Tu, dunque, stringi la veste ai fianchi,
àlzati e di' loro tutto ciò che ti ordinerò;
non spaventarti di fronte a loro,
altrimenti sarò io a farti paura davanti a loro.
18Ed ecco, oggi io faccio di te
come una città fortificata,
una colonna di ferro
e un muro di bronzo
contro tutto il paese,
contro i re di Giuda e i suoi capi,
contro i suoi sacerdoti e il popolo del paese.
19Ti faranno guerra, ma non ti vinceranno,
perché io sono con te per salvarti».
Oracolo del Signore.


© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:

Gen 17,17; 26,24 | Es 3,11 | Dt 31,8 | 1Cr 28,20 | Sal 139 | Gb 10,11; 31,15 | Is 41,10; 43,5; 49,1 | Ger 20,17; 31,28; 46,28 | Mt 1,20 | Lc 1,15 | Gv 10,10 | At 10,34; 11,18; 18,10 | Rm 2,11; 8,29 | Gal 1,15

    Vocazione di Geremia, giudizio contro l’idolatria e forza di sovvertire la storia empia si intrecciano nei primi versetti del libro. Riconosciamo come ci siano almeno tre parole da Dio verso il profeta: Dio conosce da sempre questo suo figlio, come una mamma; vigila sull’uomo e sulla sua parola; infine è approssimarsi alla morte restare lontano da lui.

    • Prima parola: ti ho conosciuto (vv. 4-10). La vocazione di Geremia è la toccante ouverture della sua storia. Al Signore che dice «ti ho conosciuto», espressione semitica che indica la conoscenza intima come tra i coniugi, il profeta risponde obiettando con la giovinezza dell’età. L’obiezione alla chiamata (Gen 17,17; Es 3,11) non è un ostacolo, ma l’occasione perché Dio annunci la grandezza del suo amore: «Non temere… io sono con te!». La conoscenza di Dio è più profonda di quella materna che pure custodisce nell’utero e sente in sé la genesi del nascituro.

    Tra i vv. 5 e 19 che ripetono la rassicurazione divina è racchiusa la vocazione del profeta: egli è l’uomo di Dio perché Dio stesso vive accanto a lui e non perché abbia qualità che lo rendano superiore agli altri. Dio, infatti, vuole la salvezza di tutti e non fa preferenza di persone, ma entra tutto intero nella vita e nel cuore di chi lo accoglie (At 10,34; Rm 2,11).

    Il v. 10 dice che l’autorità del profeta è costituita superiore a ogni potere umano. Le tre coppie di verbi sradicare-demolire, distruggere-abbattere ed edificare-piantare anticipano che l’azione del profeta toccherà le fondamenta su cui gli uomini hanno costruito la propria superbia e sarà un rinnovamento profondo come nel ricostruire dopo aver demolito, come nel piantare dove ciò che vi era prima è stato estirpato.

    • Seconda parola: il ramo di mandorlo (vv. 11-12). Il testo originale gioca sul suono delle parole ebraiche che corrispondono a mandorlo e vigilare. Mandorlo è šāqēd, mentre vigilare šōqēd. L’allitterazione qui sottolinea il messaggio finale: come il mandorlo è il primo a indicare la primavera, vigilando in attesa del tempo nuovo, così Dio continuamente vigila sull’umanità e suscita il profeta perché annunciando converta i cuori e si realizzi la parola divina dell’alleanza.
      I vv. 10-12 sono ripresi quasi in parallelo in Ger 31,28.
    • Terza parola: la pentola bollente (vv. 13-19). La seconda similitudine ha una spiegazione più lunga. I vv. 14-19 sono l’esegesi che Dio stesso fa della visione del v. 13. Si tratta di una interpretazione di fatti storici drammatici quali le invasioni assire e babilonesi da Nord verso Sud. Probabilmente il cronista qui si riferisce all’invasione Babilonese del VI sec. a.C. che anche Geremia ha visto con i suoi occhi; in precedenza vi era comunque stata quella Assira del sec. VIII a.C.
      Il v. 16 dice la causa del male: aver abbandonato Dio per altri idoli.
      Il v. 17 sembra una minaccia contro Geremia, ma in realtà descrive come si sta lontani da Dio: nella paura della morte.
      Infine i vv. 18-19 a me sembrano un bel richiamo del v. 10: Dio edifica e dà forza a quelli che chiama e che entrano in comunione con lui.

    Davanti alla chiamata di Geremia - e in generale nella Scrittura - comprendiamo che la vocazione non è un qualcosa di già pronto che discende dall’alto sulla vita del “chiamato”. Essa è un dinamismo che può crescere o morire, a seconda della risposta all’invito divino. Vocazione è relazione, è storia comune ed è meta del cammino e sua motivazione allo stesso tempo. Dio vigila. L’uomo accoglie. Insieme è comunione che dà vita (Gv 10,10; At 11,18).



    Paralleli e approfondimenti

    • Dio conosce più intimamente dell’utero materno: Sal 139; Gb 10,11; 31,15; Is 49,1; Ger 20,17; Lc 1,15; Rm 8,29; Gal 1,15;
    • Non temere… sono con te! Gen 26,24; Dt 31,8; 1Cr 28,20; Is 41,10; 43,5; Ger 46,28; Mt 1,20; At 18,10.

    Quando si usa nella preghiera questo testo?

    Nella liturgia questo brano profetico lo troviamo:
    • IV Domenica del T.Ordinario anno C (clicca qui per le altre letture)
    Nel Breviario
    • ...

    In altri riti:
    • ...
    TAg di riflessione e commento
    • Geremia
    • Profeta
    • Vocazione
    • Conoscere
    • Consacrare
    • Giovane
    • Autorità
    • Mandorlo
    • Vigilare
    • Pentola bollente
    • Invasione
    • Assiri
    • Babilonesi

    Ultimi aggiornamenti dal blog

    1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

    La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

    Continua...
    Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

    Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

    Continua...
    Amos 6 - Non siete i migliori

    Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

    Continua...
    Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

    Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

    Continua...