Geremia 1

Parole di Geremia

Sei in > Tutta la Scrittura > Profeti
precedente introduzione | successivo vv. 4-19
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 1-3

1 Parole di Geremia, figlio di Chelkia, uno dei sacerdoti che risiedevano ad Anatòt, nel territorio di Beniamino.
2A lui fu rivolta la parola del Signore al tempo di Giosia, figlio di Amon, re di Giuda, l'anno tredicesimo del suo regno, 3e successivamente anche al tempo di Ioiakìm, figlio di Giosia, re di Giuda, fino alla fine dell'anno undicesimo di Sedecìa, figlio di Giosia, re di Giuda, cioè fino alla deportazione di Gerusalemme, avvenuta nel quinto mese di quell'anno.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:

2Cr 36,22; Esd 1,1; 2Mac 2; 15,14-15; Sir 49,7; Bar 5; Dn 9,2; Mt 2,17; 16,14; 27,9.

    L’introduzione del libro di Geremia contestualizza la predicazione del profeta. In questi versetti il redattore colloca l’opera dell’uomo di Dio in una storia dai confini precisi. Il testo di Geremia è stato tramandato in due versioni, greca ed ebraica che - nonostante le differenze - ci consegnano l’opera del profeta come una delle più estese (è il testo più lungo dell’AT), grandi (insieme ad Isaia ed Ezechiele) e fondamentali (tocca molte delle questioni fondanti della teologia di Israele come l’Alleanza, l’idolatria, le deportazioni, il ritorno e il senso della storia).  

    • Parole di Geremia. «Parole di Geremia» e «parola del Signore» si intrecciano nel libro. Introducendo così il testo sembra che ci troveremo davanti a una raccolta di insegnamenti e detti o comunque davanti all’opera di un’autore che coincide con il protagonista del testo stesso. Il libro unisce più generi letterari e più tipologie di testo, dalla poesia alla narrazione, dall’invettiva al lamento. Sono dunque parole di Geremia sia la parola di Dio che gli è rivolta, sia la vita stessa del profeta che incarna quella parola e per essa soffre e lotta tenacemente. Geremia è parte della genesi del testo nel senso che è attorno al profeta concreto che nacquero le cronache e le collezioni che ora troviamo qui unite insieme e che la storia delle redazioni ci consegna come ispirato frutto maturo.
    • Chelkia, Anatòt, Beniamino, Giuda, Gerusalemme, deportazione. La trama del testo si muove in due dimensioni: storico-temporale e geografico-spaziale.
      • Dimensione tempo: La storia in cui è inserito è quella del popolo di Israele stretto tra le volontà di dominio degli Egiziani da una parte e dei Babilonesi dall’altra. Gli Israeliti si mostrano infedeli a Dio sia in terra straniera, che in patria. L’anno tredicesimo del regno di Giosia è il 627 a.C. circa. Sedecìa è Mattania di 2Re 24,17 al quale il re di Babilonia aveva cambiato il nome. La deportazione di cui leggiamo è quella del 587 a.C. circa. Il profeta è stato chiamato da Dio tra la giovinezza e la maturità, opera per circa quarant’anni e muore tra il 582 e il 582 circa. Significativo è l’arco di tempo quarantennale tra il 627 e il 587, legame simbolico con la teologia deuteronomistica della quale Geremia condivide il richiamo alla fedeltà verso il Signore e all’unicità di Dio.
      • Dimensione spazio: Anatòt è poca distanza da Gerusalemme, il termine “deportazione” invece richiama l’esperienza della separazione radicale dalla città santa. Sembra che in pochi versetti si voglia indicare la sorte di chi vive lontano dalla fedeltà al Signore. Come l’agire del profeta è innervato dalla parola di Dio tanto da essere presentato vicino alla città santa, così al contrario dei dominatori idolatri già sappiamo che saranno strappati da ciò che credono di possedere e saranno causa del male anche per il loro popolo.
    • A lui fu rivolta la parola del Signore… e successivamente ancora. Due volte si dice che Geremia riceva la parola del Signore (v. 2 e v. 3). Sappiamo bene che il colloquio intimo del profeta con Dio è una costante della sua vita. Infatti, le due occorrenze indicano simbolicamente l’inizio e la fine dell’attività profetica, come a voler dire che Geremia ha vissuto tutta la sua vita alla luce della parola di Dio.

    Anche al di fuori di questo libro troviamo parole di Geremia (2Cr 35-36) e richiami nel NT nel Vangelo di Matteo (2,17; 27,9).



    Paralleli e approfondimenti

    • Altri riferimenti: 2Cr 36,22; Esd 1,1; 2Mac 2; 15,14-15; Sir 49,7; Bar 5; Dn 9,2; Mt 2,17; 16,14; 27,9.

    Quando si usa nella preghiera questo testo?

    Nella liturgia questo brano profetico lo troviamo:
    • ...
    Nel Breviario
    • ...

    In altri riti:
    • ...
    TAg di riflessione e commento
    • Geremia
    • Profeta
    • Vocazione
    • Deportazione
    • Egitto
    • Babilonia
    • Fedeltà / infedeltà
    • Anatòt
    • Gerusalemme
    • 627 a.C.
    • 587 a.C.

    Ultimi aggiornamenti dal blog

    1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

    La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

    Continua...
    Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

    Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

    Continua...
    Amos 6 - Non siete i migliori

    Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

    Continua...
    Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

    Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

    Continua...