Genesi 1

In principio Dio

Sei in > Tutta la Scrittura > Pentateuco
precedente Introduzione | successivo vv. 3-23
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 1-2

1In principio
Dio creò
il cielo e la terra.
2La terra era informe e deserta
e le tenebre ricoprivano l'abisso
e lo spirito di Dio
aleggiava sulle acque.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Sal 102, 26 | Sap 7,18; 14,13 | Sir 15,14; 24,9 | Ger 26,1 | Ab 1,12 | Mt 19,4 | Lc 1,37 | Gv 1,1 | At 17,28 | Col 1,18 | Eb 1,10 | 2Pt 3,4 | 1Gv 1,1 | Ap 1,8.17; 2,8; 3,14; 21,5-6; 22,13

L’apertura del Libro dei libri ci porta alla fonte prima di tutto l’esistente. Le parole con cui si apre la Bibbia sono il titolo di quello che seguirà. È rilevante che Giovanni le riprenda in apertura del Vangelo (Gv 1,1) richiamando la verità per cui attraverso Cristo è la nostra creazione e nuova-creazione. C’è un principio cui siamo rimandati e c’è un dal-principio-in-poi cui apparteniamo e nel quale continua l’opera creatrice di Dio nel quale «viviamo, ci muoviamo ed esistiamo» (At 17,28). Punti di riflessione:

  • In principio Dio. Iniziare una frase con questa coppia particella-sostantivo descrive un cominciamento. Dovrebbe seguire una specificazione: in principio… del mondo, del tempo, delle azioni divine, della gestazione del creato, dell’atto del creare. Così nell’AT questa formula ritorna in Ger 26,1; 27,1; 28,1 e 49,34 per descrivere l’inizio di alcuni regni (c’è dunque la specificazione). Non così in Gen 1,1; Sal 102,26 e Gv 1,1. In queste occorrenze l’«In principio» è da intendere, ma non specificato. Sappiamo che si riferisce alla creazione, ma non è esplicitato. C’è dunque un principio che l’uomo intende, ma che non può raggiungere, poiché appartiene al mistero di Dio. Dio è principio e ogni cosa creata da Dio trae origine e vita. Egli è il luogo e il tempo in cui iniziano la spazialità e la temporalità di cui noi facciamo ora esperienza. L’opera di Dio non ha specificazioni ulteriori perché è da accogliersi come dono: fin dal principio Dio creò una cosa buona, molto buona.
  • Creò il cielo e la terra. Dio è il principio. Dio è ciò che fa iniziare ogni principio per questo il testo continua con la Sua prima azione, senza poter indagare oltre all’indietro: «creò». C’è un pensiero che preceda il creare? Certamente, ma non è possibile indagarlo perché appartiene a Dio soltanto. La creazione in questi versetti è stata intesa dalla tradizione ebraica e cristiana come dal nulla (ex nihilo). Il v. 2 allude a un caos e disordine primordiali e il testo è così oscuro da far intendere che all’autore mancano le parole per descrivere ciò che non è descrivibile, poiché del nulla tenta di parlare. Si provi a immaginare la situazione: «l’oscurità ricopriva la superficie dell’abisso». Abisso è un vacuo vuoto dal fondo irraggiungibile, dunque quale sarebbe la superficie? Il fondo dell’abisso o l’orizzonte del gorgo dal quale inizia l’abisso? Trovata tale superficie, cos’è l’oscurità che copre? Una massa, il buio vuoto o il nulla? Se massa, come copre un abisso? Se vuoto o nulla come sta su una superficie? Ecco che l’autore ci comunica che nell’oscuro e nel nulla solo Dio può un’azione e questa è creatrice e creativa.

Nominare due estremi (cielo e terra) significa nominare tutta la realtà creata in cui anche l’uomo è parte. Perché Dio fa questo? Non si intravede ancora né ragione, né sentimento, solo una volontà divina sicura del da farsi. Dal vuoto e dal nulla, nulla si trae, ma non per Dio cui nulla è impossibile (Lc 1,37). È per questo che leggiamo Gen 1 ogni anno nella Veglia della notte di Pasqua. All’abisso della morte deve rispondere il Dio creatore della vita. La morte ci ha spaventati volendo imporsi come ultima parola. Allora ecco il Signore che ci parla e dice: In principio, ma anche ora, nella morte e nella Pasqua: «Ecco, io faccio nuove tutte le cose» (Ap 21,5).


Paralleli e approfondimenti

  • In principio: Sap 7,18; 14,13; Sir 15,14; 24,9; Ab 1,12; Mt 19,4; Eb 1,10; 2Pt 3,4; 1Gv 1,1; Ap 1,8.17; 2,8; 3,14; 21,6; 22,13; 
  • Cristo nuovo principio: Col 1,18.

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano lo troviamo:
  • Veglia di Pasqua (1° lettura)
Nel Breviario ... 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Genesi
  • Principio
  • Creazione
  • Ex nihilo
  • Cristo
  • Nuova creazione
  • Cosa buona
  • Abisso
  • Cielo e terra

Ultimi aggiornamenti dal blog

Abacuc 1,1-4 - Oracolo pesante

Il profeta riceve un oracolo che è come peso e fardello. Osserva ingiustizie nel popolo e ancor più la violenza dei Caldei che si avvicina. Quando sarà ristabilita la giustizia? Quando i cuori ritorneranno al Signore?

Continua...
1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...