Deuteronomio 7

Eletti e benedetti

Sei in > Tutta la Scrittura > Pentateuco
precedente vv. 1-6 | successivo vv. 17-26
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 7-16

Il Signore si è legato a voi e vi ha scelti, non perché siete più numerosi di tutti gli altri popoli - siete infatti il più piccolo di tutti i popoli -, ma perché il Signore vi ama e perché ha voluto mantenere il giuramento fatto ai vostri padri: il Signore vi ha fatti uscire con mano potente e vi ha riscattati liberandovi dalla condizione servile, dalla mano del faraone, re d'Egitto. Riconosci dunque il Signore, tuo Dio: egli è Dio, il Dio fedele, che mantiene l'alleanza e la bontà per mille generazioni con coloro che lo amano e osservano i suoi comandamenti, 10 ma ripaga direttamente coloro che lo odiano, facendoli perire; non concede una dilazione a chi lo odia, ma lo ripaga direttamente. 11 Osserverai, dunque, mettendoli in pratica, i comandi, le leggi e le norme che oggi ti prescrivo.
12 Se avrete dato ascolto a queste norme e se le avrete osservate e messe in pratica, il Signore, tuo Dio, conserverà per te l'alleanza e la bontà che ha giurato ai tuoi padri. 13 Egli ti amerà, ti benedirà, ti moltiplicherà; benedirà il frutto del tuo seno e il frutto del tuo suolo: il tuo frumento, il tuo mosto e il tuo olio, i parti delle tue vacche e i nati del tuo gregge, nel paese che ha giurato ai tuoi padri di darti. 14 Tu sarai benedetto più di tutti i popoli: non sarà sterile né il maschio né la femmina in mezzo a te e neppure in mezzo al tuo bestiame. 15 Il Signore allontanerà da te ogni infermità e non manderà su di te alcuna di quelle funeste malattie d'Egitto, che ben conoscesti, ma le manderà a quanti ti odiano.
16 Sterminerai dunque tutti i popoli che il Signore, tuo Dio, sta per consegnarti. Il tuo occhio non ne abbia compassione e non servire i loro dèi, perché ciò è una trappola per te.
© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Gen 12 | Es 19,3-6; 20 | Lv 20,26 | Dt 4,37; 8,18; 9,5; 10,15; 32,9-12 | Tb 8,15-17 | Is 49,6 | Mc 1,11 | Lc 1,72; 23,35 | Ef 1,4

    Il cap. 7° è parte del secondo discorso di Mosè. Il Signore sta per introdurre il popolo di Israele nella terra promessa e Mosè ricorda che sono oggetto di una speciale elezione divina. Il Signore ha scelto questo popolo in mezzo a tutti, perché sia segno particolare della sua presenza e benedizione. Quanto letto nel v. 6 ora è spiegato.

    Alcune note di riflessione su questi versetti.

    • Elezione. L’elezione di Israele è un tema ricorrente nei profeti e nella letteratura deuteronomistica. Nel NT è ripresa da Paolo e dai Vangeli, indicando la scelta dell’umanità in Cristo. Cristo è l’eletto del Padre, l’amato, e in Lui tutti i cristiani sono il popolo eletto di Dio. L’elezione di cui Mosè parla al popolo è un segno della fedeltà di Dio al suo amore, promesso ad Abramo (Gen 12) e a tutti i patriarchi. I vv. 7-8 spiegano il motivo dell’elezione: l’amore gratuito di Dio. L’amore di Dio prescinde dalle condizioni umane. Egli non sceglie il popolo più potente o valoroso, ma il più piccolo e sfruttato, per essere segno di benedizione verso tutti. L’amore di Dio si mostra concreto nella liberazione dall’Egitto e nell’alleanza.
    • Benedizione. Fondamento dell’alleanza è la benevolenza di Dio. Con il termine “benedizione” ricordiamo la promessa ad Abramo, ma anche tutto l’essere e l’agire di Dio. Benedire è azione di bene che fa crescere la vita; al contrario, maledire è togliere la vita. Dio è il “Benedetto” perché origine e fonte della vita (Tb 8,15-17). Dio benedice nei frutti del suolo (v. 13), nei figli, nella salute, nell’età, nella saggezza, nella Parola, nell’alleanza e in tutti i segni della sua presenza che fanno crescere la vita. La benedizione di Dio è verso il popolo (v. 14) e Israele diventa segno di benedizione per tutti i popoli (Is 49,6). L’elezione e la benedizione sono legate come causa ed effetto. Poiché Dio è amore (v. 8; 1Gv 4), effonde se stesso amando il popolo e benedicendolo con l’alleanza e la presenza: il popolo diventa sua eredità, sua stessa famiglia. Siamo sempre legati a Dio dall’immagine e la somiglianza. Israele è il segno del legame con Dio Padre e della fraternità; i cristiani, nuovo Israele, continuano questa missione come hanno visto fare da Gesù, il figlio benedetto del Padre.
    • Riconoscenza. Nei vv. 11-15 leggiamo l’impegno di riconoscenza del popolo verso il Signore. Israele dovrà “osservare, mettere in pratica e dare ascolto” alle parole di Dio. Cosa significa? Significa non avere altro Signore che YHWH, Dio di Israele e dei padri (Es 20). Dio conserva l’alleanza (v. 12), lo stesso faranno i suoi fedeli.

    Seguire le norme del Signore è garanzia di vita lunga, buona e pacifica. Al contrario il pericolo di morte è dato dall’idolatria. Non accade forse ancora oggi questo? Pensiamo alle comunità familiari, religiose e sociali. Conservare, custodire, curare la vita significa conservare l’alleanza del Signore. Chi ama il prossimo sinceramente, mette in pratica le parole del Signore e comunica la benedizione. Chi vive egoista e non conosce altro che il proprio interesse, toglie il bene altrui, ruba la speranza, cancella la gioia e il servizio. Non è forse asservito all’idolatria, qualunque sia la sua maschera, piuttosto che al Signore? L’idolatria però è una trappola (v. 16)!


    Paralleli e approfondimenti

    • Alleanza e forza (Dt 4,37; 8,18; 9,5; 10,15)
    • Alleanza e unico Dio (Es 19,3-6; Dt 32,9-12; Lv 20,26)
    • Cristo amato (Mc 1,11) nel quale siamo eletti (Lc 23,35; Ef 1,4)


    © don Cosimo Quaranta

    Quando si usa nella preghiera questo testo?

    Nella liturgia questo brano lo troviamo:
    Nel Breviario ... 

    In altri riti:
    • ...
    TAg di riflessione e commento
    • Mosè
    • Discorso
    • Fedeltà
    • Benedizione
    • Elezione
    • Alleanza
    • Idolatria
    • Riconoscenza
    • Figli
    • Scelti in Cristo
    • Promessa
    • Abramo
    • Amore

    Ultimi aggiornamenti dal blog

    Salmo 94 (93) - Vendicatore di giustizia

    Il titolo di vendicatore è una parola forte, ma scopriamo che il desiderio umano di vendetta è assunto da Dio nel momento in cui abitando nel cuore di chi lo accoglie, Egli può cambiare nella misericordia il malvagio verso il bene

    Continua...
    Geremia 1,1-3 - Parole di Geremia

    L'apertura del libro di Geremia colloca il profeta nelle dimensioni spazio-temporali della sua attività. Quarant'anni, numero caro alla teologia deuteronomista, e vicinanza/lontananza da Gerusalemme

    Continua...
    Geremia 1,4-19 - Prima di formarti

    La vocazione del profeta è la chiamata ad una relazione profonda con Dio. Geremia vivrà la vita come un dono per il popolo che si è allontanato dalla fedeltà e che Dio ama ancora profondamente e chiama a conversione

    Continua...