Ebrei 5 

Sacerdozio di Cristo e adultità del cristiano

Sei in > Tutta la Scrittura > Cattoliche e Apocalisse
precedente cap. 4 | successivo cap. 6
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

cap. 5

1 Ogni sommo sacerdote, infatti, è scelto fra gli uomini e per gli uomini viene costituito tale nelle cose che riguardano Dio, per offrire doni e sacrifici per i peccati. 2Egli è in grado di sentire giusta compassione per quelli che sono nell'ignoranza e nell'errore, essendo anche lui rivestito di debolezza. 3A causa di questa egli deve offrire sacrifici per i peccati anche per se stesso, come fa per il popolo.
4Nessuno attribuisce a se stesso questo onore, se non chi è chiamato da Dio, come Aronne. 5Nello stesso modo Cristo non attribuì a se stesso la gloria di sommo sacerdote, ma colui che gli disse:


Tu sei mio figlio, oggi ti ho generato
,
gliela conferì 6come è detto in un altro passo:


Tu sei sacerdote per sempre,

secondo l'ordine di Melchìsedek.

7Nei giorni della sua vita terrena egli offrì preghiere e suppliche, con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito. 8Pur essendo Figlio, imparò l'obbedienza da ciò che patì 9e, reso perfetto, divenne causa di salvezza eterna per tutti coloro che gli obbediscono, 10essendo stato proclamato da Dio sommo sacerdote secondo l'ordine di Melchìsedek.


11Su questo argomento abbiamo molte cose da dire, difficili da spiegare perché siete diventati lenti a capire. 12Infatti voi, che a motivo del tempo trascorso dovreste essere maestri, avete ancora bisogno che qualcuno v'insegni i primi elementi delle parole di Dio e siete diventati bisognosi di latte e non di cibo solido. 13Ora, chi si nutre ancora di latte non ha l'esperienza della dottrina della giustizia, perché è ancora un bambino. 14Il nutrimento solido è invece per gli adulti, per quelli che, mediante l'esperienza, hanno le facoltà esercitate a distinguere il bene dal male.

© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Es 28-29 | Lv 8-10 | Sal 2; Sal 110 | At 2 | Eb 7 | 1Pt

Siamo al punto di svolta del testo di Ebrei. Il predicatore in questo capitolo ci presenta in accenno la tematica del sacerdozio, con particolare riferimento alla funzione mediatrice del sommo sacerdote. Dal v. 11 esorta a scegliere di diventare adulti nella fede. Tre brevi sezioni compongono il testo:

  • Il sommo sacerdote (vv. 1-4). Il paragrafo è di tipo descrittivo. Riferendosi al sacerdozio dei leviti, l'autore mette in evidenza la caratteristica del sommo sacerdote di essere comprensivo nei confronti dell'umanità perché anch'egli ne condivide la fragilità. La comprensione non è debolezza in sé, ma la possibilità di riconoscere il bisogno di lasciarsi riempire da Dio. Dell’opera del sacerdote si mette qui in evidenza il gesto dell'offerta e dei sacrifici. Essi vengono offerti per purificare dai peccati. Il soggetto che elegge il sommo sacerdote è Dio, per questo i verbi sono al passivo. Ciò è fondamentale perché significa che all'origine di ogni vocazione c'è l'amore del Padre che chiama i figli affinché siano ponti tra il cielo e la terra. Il sacerdozio antico è completato nella missione di mediazione dal Figlio Gesù, mediatore perfetto tra cielo e terra (v. 9 e 7,28; 8,6; 9,15; 12,24).
  • Cristo sommo sacerdote (vv. 5-10). Il tono è ancora descrittivo, ma l’attenzione si concentra su Gesù. Il ponte tra i paragrafi è nella citazione dei due sacerdoti Aronne (v. 4) e Melchìsedek (v. 5). Aronne fu sacerdote tra gli Israeliti al tempo di Mosè, mentre Melchìsedek è anteriore di secoli (epoca di Abramo, Gen 14). Mentre per i leviti il sacerdozio era tramandato di padre in figlio, Melchìsedek è fuori da ogni genealogia. Egli ricevette le prerogative sacerdotali non per lignaggio, ma come missione divina gratuita. Cristo è sacerdote come Melchìsedek (Eb 7) perché le sue prerogative sono direttamente divine. Le citazioni dei Sal 2,7 e 110,4 confermano che compimento di tutte le attese di salvezza della Scrittura è la mediazione di Gesù. I vv. 8-10 accennano all’esperienza spirituale di Gesù. Noi non conosciamo le parole che pronunciò nei momenti di preghiera intima, ma sappiamo l’intenzione che lo ha costantemente guidato: realizzare nel mondo la comunione con il Padre. Per questo l'autore può ben dire che fu esaudito in tutte le preghiere e suppliche: è grazie alla sua vita offerta che l'uomo sa di essere finalmente riconciliato con Dio.
  • Cammino di adultità (vv. 11-14). In questi ultimi versetti il tono è esortativo. Il predicatore richiama l'attenzione dei destinatari, ricordando che nel cammino di fede non si arriva mai a una perfetta conclusione della crescita, né alla totale comprensione del mistero di Dio. L'immagine del latte dei poppanti contrapposto al cibo solido è come una provocazione: se anche si è diventati maestri per gli altri, non si smette di essere discepoli del Cristo. Il discepolato è la condizione imprescindibile del fedele e questi deve decidersi a legare quotidianamente la propria vita a colui che è causa di salvezza perfetta ed eterna.

La preghiera del Padre nostro credo compendi l’insegnamento di questo capitolo. Ciò che chiediamo nella preghiera si compie nel Figlio. Egli è la perfetta adesione alla volontà del Padre, la perfetta santificazione del nome di Dio, l’efficace remissione dei peccati e la vittoria sul male. Pregare con la fiducia di Gesù ci unisce al mistero del suo regno che si compie qui in terra, come già è vero in cielo.



Paralleli e approfondimenti

  • Il sacerdozio vecchio e nuovo (Esodo 28-29; Levitico 8-10; Ebrei 7)

© don Cosimo Quaranta

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia porzioni di questo capitolo le troviamo:
  • V Domenica di Quaresima anno B
  • ...
Nel Breviario non troviamo questa pericope. 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Misericordia
  • Sacerdozio
  • Sommo sacerdote
  • Aronne
  • Melchìsedek
  • Leviti
  • Compimento
  • Perfezione
  • Mediazione
  • Cielo-terra
  • Comunione

Ultimi aggiornamenti dal blog

Salmo 94 (93) - Vendicatore di giustizia

Il titolo di vendicatore è una parola forte, ma scopriamo che il desiderio umano di vendetta è assunto da Dio nel momento in cui abitando nel cuore di chi lo accoglie, Egli può cambiare nella misericordia il malvagio verso il bene

Continua...
Geremia 1,1-3 - Parole di Geremia

L'apertura del libro di Geremia colloca il profeta nelle dimensioni spazio-temporali della sua attività. Quarant'anni, numero caro alla teologia deuteronomista, e vicinanza/lontananza da Gerusalemme

Continua...
Geremia 1,4-19 - Prima di formarti

La vocazione del profeta è la chiamata ad una relazione profonda con Dio. Geremia vivrà la vita come un dono per il popolo che si è allontanato dalla fedeltà e che Dio ama ancora profondamente e chiama a conversione

Continua...