1 Pietro 2

Pietre vive di misericordia

Sei in > Tutta la Scrittura > Cattoliche e Apocalisse
precedente 1,22-2,3 | successivo vv. 11-17
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 4-10

4Avvicinandovi a lui, pietra viva, rifiutata dagli uomini ma scelta e preziosa davanti a Dio, 5quali pietre vive siete costruiti anche voi come edificio spirituale, per un sacerdozio santo e per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio, mediante Gesù Cristo. 6Si legge infatti nella Scrittura:

Ecco, io pongo in Sion
una pietra d'angolo,scelta, preziosa,
e chi crede in essa non resterà deluso.

7Onore dunque a voi che credete; ma per quelli che non credono

la pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata pietra d'angolo
8sasso d'inciampo, pietra di scandalo.

Essi v'inciampano perché non obbediscono alla Parola. A questo erano destinati. 9Voi invece siete stirpe eletta, sacerdozio regale, nazione santa, popolo che Dio si è acquistatoperché proclamile opere ammirevoli di lui, che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua luce meravigliosa. 10Un tempo voi eravate non-popolo, ora invece siete popolo di Dio; un tempo eravate esclusi dalla misericordia, ora invece avete ottenuto misericordia.

© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Es 28-29 | Lv 8-10 | Dt 28,16 | Sal 33(32); 118(117),22 | Is 28,16 | Ger 18 | Os 6,6 | Mt 9 | Lc 7-8  | Gv 1,1; 14 | Rm 8,26-27 | Ef 2,20-22 | Eb | Ap 22,20

Siamo al termine dell’apertura della lettera. Precede questi versetti il tema della rigenerazione e della vita nuova che viene dalla familiarità con Dio. Segue la morale sociale e familiare da 2,11.

In questi versetti le semantiche predominanti sono della costruzione (pietra, costruiti, edificio) e dei rapporti sociali (sacerdozio, stirpe, eredità, nazione, popolo).

Centro del messaggio è la persona di Gesù. Grazie a lui siamo uniti al Padre e possiamo diventare insieme luogo dell’offerta del sacrificio gradito a Dio. Come per i vv. 18-20, sappiamo che il sacrificio apprezzato da Dio è la misericordia (Mt 9,13) e questo è sicuro perché gli è conforme. Il volto della misericordia del Padre è Cristo (Francesco, Misericordiae Vultus) ed è attraverso lui che i credenti sono rigenerati. Essi sono: battezzati nel suo nome (At 2,38), rimessi in piedi (At 3,6), salvati e fortificati (At 4,11), abitati e modellati dallo Spirito (Gv 14,13) compiono le sue opere. Nella misericordia Dio rigenera (Gv 8,11; At 2; 1Pt 1). Essa è segno della sua forza, maggiore del vigore di re ed eserciti (Sal 33/32; Is 28,16 pietra d’angolo).

Pietro descrive una costruzione fatta dalla pietra viva angolare (Cristo) insieme a tante pietre vive (credenti). In questo edificio spirituale, per mezzo di Cristo, sono offerti i sacrifici graditi. Che bella immagine della comunione dei santi! L’edificio, inoltre, richiama una verità fondamentale della struttura della persona. Noi non sappiamo pregare davvero, se non viene in nostro soccorso lo Spirito (Rm 8,26-27). Possiamo però aiutarci l’un l’altro e lo Spirito, che è in tutti, completerà l’opera iniziata nella preghiera. L’essere edificati è ripreso anche da Paolo in Ef 2,20-22.

Le citazioni dell’AT mostrano che Pietro fonda la fede sulla sapienza ebraica e sulla rivelazione in Gesù. Non c’è contrasto o rottura tra le due, ma maggiore apertura del mistero di Dio da sempre rivelato e gradualmente compreso.

  • Gesù pietra viva dal Sal 118(117),22. Gesù è la vita (Gv 14), vivifica e vive immortale. È da sempre (Gv 1,1), sarà sempre ed è l’attesa della storia (Ap 22,20).
  • Avvicinandovi a luisiete costruiti è una allusione all’Esodo (Es 19). Il popolo Israele nasce intorno al Sinai e riceve le istituzioni fondamentali, ma non può avvicinarsi al monte. Gesù si fa vicino, si fa toccare (Lc 7,39; 8,43-48) e salva.
  • Da non-popolo a popolo, dalle tenebre alla luce: Osea 1-2 chiama la seconda figlia Non-amata e il terzo Non-mio-popolo per richiamare gli Israeliti alla fedeltà. Qui leggiamo che Dio in Cristo ci fa suo popolo e otteniamo misericordia.
  • Cristo non è riconosciuto da tutti; per chi lo rifiuta c’è inciampo. Così era in Dt 28 e in Is 28,16; osservare la Legge del Signore è garanzia di cammino sicuro.

Davanti alla Parola, riconosciamo che è il tempo di lasciarsi costruire, edificare, modellare. Fine è la comunione, mano è la misericordia e argilla la mia storia ferita e guarita dal Medico misericordioso (Ger 18; Mt 9).



Paralleli e approfondimenti

  • Il sacerdozio vecchio e nuovo: Es 28-29; Lv 8-10; Eb;
  • Dio gradisce la misericordia: Os 6,6; Mt 9,13;
  • Sorretti ed edificati: Sal 118,22; Is 28,16; Rm 8,26-27; Ef 2,20-22;
  • Guariti e modellati Sal 33; Ger 18; Mt 9; Lc 7-8.

© don Cosimo Quaranta

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario non troviamo questa pericope. 

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Misericordia
  • Rigenerati
  • Avvicinarsi a Dio
  • Pietra angolare
  • Eredità di Dio
  • Edificio spirituale
  • Costruiti da Dio
  • Tempio di Dio
  • Sacerdozio nuovo
  • Pietre vive

Ultimi aggiornamenti dal blog

1Timòteo 6,11-16 - La buona battaglia

La manifestazione di Dio in Gesù è il segno visibile della carità divina per l'umanità. La vita di Timòteo dà a sua volta testimonianza di Cristo e lo rende presente nell'attesa dell'incontro finale

Continua...
Salmo 146 (145) - Terzo Hallel

Si apre l'ultimo Hallel del Salterio. La lode al Signore è anzitutto racconto delle opere della sua bontà. Egli è il Signore, il re, il primo... eppure sta dalla parte dell'ultimo. Alleluia!

Continua...
Amos 6 - Non siete i migliori

Samaria e Giuda godono e gozzovigliano in ciò che credono dar loro forza, le conquiste e le ricchezze materiali. Non si rendono conto che l'Assiria è alle porte e la morte che porterà sarà una devastazione materiale e spirituale

Continua...
Luca 16,1-8 - L'amministratore disonesto

Il Signore della vita è uno soltanto e noi siamo amministratori del dono che ci fa. Anzitutto della chiamata all'esistenza, poi di tutti i doni creati, tra cui i fratelli. Scaltrezza è non lasciarsi possedere il cuore dalle cose.

Continua...