1 Pietro 2

Una condotta esemplare

Sei in > Tutta la Scrittura > Cattoliche e Apocalisse
precedente vv. 18-20 | successivo 3,1-7
Ricerca nel Blog
Se cerchi qualcosa, usa questo strumento.

vv. 21-25

21A questo infatti siete stati chiamati, perché
anche Cristo patì per voi,
lasciandovi un esempio,
perché ne seguiate le orme:
22egli non commisepeccato
e non si trovò inganno sulla sua bocca;
23insultato, non rispondeva con insulti,
maltrattato, non minacciava vendetta,
ma si affidava a colui
che giudica con giustizia.
24Egli portò i nostri peccati nel suo corpo
sul legno della croce,
perché, non vivendo più per il peccato,
vivessimo per la giustizia;
dallesuepiaghe siete stati guariti.
25Eravate erranti come pecore,
ma ora siete stati ricondotti
al pastore e custode delle vostre anime.

© Testo a cura della CEI consultabile su bibbiaedu

Paralleli e rimandi:
Sal 22 (21); 23(22) | Is 53 | Ez 34 | Gv 1,29; 10 | 1Cor 6,20 | Ef 6,5-8 | Fm | Eb 10,19-20 | Gc 5,7-11

Siamo nel cuore della prima lettera di Pietro. Dopo l’introduzione e l’invito a scoprirsi familiari con Dio, chiede di santificare Gesù nella propria vita (3,14).

L’inno che leggiamo in questi versetti è tra due sezioni della morale familiare (cap. 2-3). Questo, probabilmente preesistente e rimaneggiato, cita Isaia 53 ed una bellissima trama della cucitura tra AT e NT. Mi spiego. In 1Pt 2,18-19 Gesù è come un agnello e poco sopra abbiamo letto che Pietro si rivolge ai servi, esortandoli a dare buona testimonianza nella grazia di Dio. Nel Battesimo (Gv 1,29) Giovanni chiama Gesù “agnello di Dio” che tanto per lui, quanto per Isaia 53, è talya’ ovvero servo/agnello grazie al quale abbiamo la remissione dei peccati e la salvezza. Poiché Cristo non toglie la vita, ma la offre e la concede in abbondanza (Gv 10), allora egli è agnello/servo e veramente anche pastore e custode (vv. 25 // Gv 10).

Le parole del profeta rileggono inoltre l’esperienza di una sofferenza immeritata. Con questo inno è come se argomentasse e sostenesse le esortazioni espresse in precedenza, facendo un paragone tra la situazione dei cristiani di 11-20 con quelle partite da Gesù. Lui è il paziente e il sofferente a causa dell’ingiustizia, che diventa motivo e modello della sopportazione. Un significato di patire è “portare su di sé” ovvero sopportare con sforzo. Questo lo ha fatto Gesù portando su di sé: ingiurie, ferite e legno della croce (vv. 23-24).

L’obiettivo di Pietro non è comunque giustificare o cercare la sofferenza, ma la conversione di tutti attraverso una buona testimonianza. La testimonianza è vissuta nella pazienza. Leggo concretizzata in questi passi la vita di don Pino Puglisi, don Andrea Santoro, i martiri d’Algeria e molti cristiani tuttora perseguitati.

Propongo un piccolo schema per questi versetti:

  • v. 21 apertura è // al v. 25 chiusura: “seguire le orme” si collega come inclusione a Gesù “pastore e custode” (vescovo). Il richiamo ai pastori già di Ez 34, poi in 5,1.
  • v. 22 è // al v. 24: non si è macchiato di colpa richiama per contrasto le ferite del corpo di Gesù (piaghe). Le piaghe di Cristo guariscono la vita piagata altrui.
  • v. 23 è centrale e richiama il tema della pazienza con dei contrasti: insultato, non insulta; maltrattato, non maltratta; abbandonato, si affida.

Guardare il corpo martoriato di Gesù mi insegna come sia prezioso, bello e redento il mio e come questo possa essere luogo della sua santità riflessa nel discepolo (3,14; 1Cor 6,20).

Gesù chiede la pazienza? Le Beatitudini sono un sorriso di pazienza. In più: Matteo 16,24: “se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda (sollevi) la sua croce e mi segua” e “vi ho dato l’esempio perché come ho fatto io, facciate anche voi e… sarete beati” (Gv 13,15-17). “Solo Dio non muta, la pazienza ottiene ogni cosa” (la paciencia todo lo alcanza - Teresa d’Avila).


Paralleli e approfondimenti

  • Il servizio e la pazienza (Efesini 6,5-8; Filemone; Giacomo 5,7-11)
  • Servo/agnello di Dio (Isaia 53; Giovanni 1,29)
  • Dio è pastore (Salmo 22/23; Ezechiele 34; Giovanni 10)

© don Cosimo Quaranta

Quando si usa nella preghiera questo testo?

Nella liturgia questo brano evangelico lo troviamo:
Nel Breviario...

In altri riti:
  • ...
TAg di riflessione e commento
  • Pace
  • Angello di Dio
  • Servo di Dio
  • Buona testimonianza
  • Pazienza
  • Sofferenza
  • Piaghe
  • Guarigione

Ultimi aggiornamenti dal blog

Salmo 94 (93) - Vendicatore di giustizia

Il titolo di vendicatore è una parola forte, ma scopriamo che il desiderio umano di vendetta è assunto da Dio nel momento in cui abitando nel cuore di chi lo accoglie, Egli può cambiare nella misericordia il malvagio verso il bene

Continua...
Geremia 1,1-3 - Parole di Geremia

L'apertura del libro di Geremia colloca il profeta nelle dimensioni spazio-temporali della sua attività. Quarant'anni, numero caro alla teologia deuteronomista, e vicinanza/lontananza da Gerusalemme

Continua...
Geremia 1,4-19 - Prima di formarti

La vocazione del profeta è la chiamata ad una relazione profonda con Dio. Geremia vivrà la vita come un dono per il popolo che si è allontanato dalla fedeltà e che Dio ama ancora profondamente e chiama a conversione

Continua...